La scuola da casa: tecnologie e soluzioni per studiare ai tempi del Coronavirus

Cronaca

Gabriele De Palma

Una raccolta di risorse, strumenti e suggestioni per insegnanti, studenti, genitori ed istituti che vogliono continuare l’attività didattica anche durante la quarantena

Scuole di ogni ordine e grado chiuse in tutto il Paese e, con il decreto del Presidente del Consiglio del 4 marzo scorso, via libera alla didattica a distanza. Il problema è che la scuola italiana non aveva pronto un piano, per la didattica a distanza. E così ogni istituto si organizza come può, in base alle competenze tecnologiche dei docenti e alla dotazione di dispositivi per connettersi online degli studenti. Vediamo come si stanno attrezzando gli Istituti e quali risorse e strumenti sono gratuitamente disponibili e come ci si può accedere. 

Primaria e secondaria

La situazione più difficile è quella che vivono le scuole elementari, dove gli studenti non possiedono - se non in rari casi - un dispositivo elettronico proprio per connettersi al web. In quel caso i ragazzi devono fare affidamento su pc, tablet e smartphone dei genitori. Va meglio, per quel che riguarda il parco tecnologico a disposizione, per chi frequenta le scuole medie, mentre i docenti delle scuole superiori possono fare affidamento su una percentuale di possesso di smartphone e tablet, da parte degli studenti, che si avvicina al cento per cento.

I consigli del Miur

Il Ministero dell’Istruzione ha prontamente allestito una pagina sul proprio sito web in cui suggerisce piattaforme per la didattica a distanza e risorse utili a docenti e studenti. Le piattaforme consigliate sono tre: Google Suite for Education, Office 365 education A1 e la piattaforma realizzata da Treccani per la didattica digitale, Treccani Scuola. Oltre a queste il Miur consiglia alcune soluzioni messe a punto dagli Istituti scolastici che aderiscono al Movimento Avanguardie educative e al Movimento Piccole Scuole, che contemplano veri e propri cicli di lezione e più di un tutorial per spiegare ai docenti come organizzare le proprie lezioni a distanza.

Registro elettronico di classe

Molte scuole, dalla primaria fino al liceo, dispongono e utilizzano il registro elettronico, o meglio un registro elettronico dal momento che ogni dirigente scolastico può scegliere quello che preferisce. Sui tutti i registri elettronici ci sono delle sezioni dedicate alla pubblicazione di materiale didattico, e in molti c’è anche la possibilità da parte degli studenti di caricare documenti, nella fattispecie i compiti e le esercitazioni. In queste sezioni, lezioni e compiti vengono assegnati e svolti tramite file di testo, pdf, file audio e in qualche caso file video. In questi casi non si può parlare di didattica a distanza, ma semplicemente di uno strumento per scambiare file. 

Ex cathedra online: le lezioni in video

Molti docenti hanno messo a disposizione di tutti le proprie lezioni video, pubblicate su diverse piattaforme. L’elenco è cospicuo e non è semplice tenere traccia di tutte le risorse disponibili. L’offerta accontenta un po’ tutti i livelli di istruzioni e le tipologie di indirizzi, e si va da lezioni per la Scuola dell’infanzia a quelle per la scuola primaria (soprattutto lezioni di lingua italiana) e (con ottimi spunti ludici), e un sito da tenere d’occhio nei prosismi giorni è quello di RisorseDidattiche, che sta raccogliendo contenuti e lezioni per le elementari

Per le superiori c'è più scelta

Più ricca la disponibilità di lezioni per le scuole superiori. Ad esempio le lezioni, prevalentemente di lingua e letteratura ma anche di tutte le altre materie, messe a disposizione dal Professor Gaudio, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Belgioioso di Pavia. O il canale YouTube in cui la professoressa Paola Martina Regiani tiene lezioni di letteratura italiana. Storia e letteratura sono il focus del canale YouTube del professor Edoardo Ricci. E poi ancora lezioni di chimica su EasyChimica, di Filosofia tenute da Giuseppe Capello, di Fisica e Matematica Maurizio Medina, o quelle di Ruggero Balice. Disponibili anche i corsi di lingue straniere, con il blog Le Francais Mon Amour per il francese, e ottime risorse anche per lo spagnolo.

Strumenti per le videolezioni

La didattica a distanza vera e propria inizia però, dal punto di vista tecnologico, con le lezioni trasmesse a orari determinati, con tutti gli studenti della classe collegati contemporaneamente. È il caso delle video lezioni, che alcuni istituti stanno organizzando in questi giorni. Diverse le soluzioni possibili. La prima è Hangout, il servizio di videoconferenze di Google. Il servizio, gratuito, permette però il collegamento in diretta video di un massimo di dieci persone. Per riuscire a seguire la lezione in venticinque o più partecipanti è però necessario fare l’upgrade alle versioni Business o Educational, ma in questo caso il servizio non sarebbe più gratuito, se non fosse che a Mountain View, per venire incontro ai problemi causati dalla forzata quarantena, ha deciso di regalare l’upgrade fino al 1 luglio. Per le videoconferenze/lezioni è possibile anche utilizzare Skype, nella sua funzione “videochiamata di gruppo”. Fino a 25 i partecipanti supportati dal software. Skype e Hangout sono buone soluzioni per quei casi, rari ma esistenti, di lezioni individuali (come ad esempio per alcune scuole con indirizzo musicale). 

Oltre a Google e Skype, ci sono anche Cisco e Zoom

Un’altra piattaforma per le lezioni a distanza è Webex Cisco. La piattaforma è molto evoluta, pensata in realtà per il telelavoro, e Cisco ha deciso di estendere i termini per la prova gratuita in occasione dell’epidemia di Coronavirus in corso. Un’alternativa è rappresentata da Zoom.us, piattaforma che consente conferenze da cento partecipanti con sessioni dalla durata massima di 40 minuti (ma il numero di conferenze non ha limiti quindi al termine dei 40 minuti si può semplicemente avviare una nuova videoconferenza).

Webinar, interazione e condivisione in tempo reale

Strumenti più evoluti delle videolezioni per la didattica a distanza sono rappresentati dai cosiddetti webinar. Si tratta di sessioni con una scadenza temporale (da seguire cioè in diretta) che abilitano l’interattività in tempo reale. Si possono cioè non solo seguire le lezioni frontali, ma anche condividere lo schermo con gli altri partecipanti, si possono tenere esercitazioni e rispondere alle domande del docente. Insomma quanto di più vicino alla traduzione in digitale e da remoto delle attività normalmente svolte in classe. Gli strumenti per creare webinar e trasmetterli sono più di uno, e tutte le suite di cui abbiamo fatto menzione (sia Google Suite for Education, Office 365 e Webex di Cisco) offrono al loro interno la possibilità di svolgere un webinar. Ci sono dei prodotti poi gratuiti e sciolti dalle piattaforme suddette. Ad esempio EZTalks, AnyMeeting, JoinMe, Mikogo o OBS, che è anche open source. 

La scuola continua

È appena nata un’iniziativa molto interessante per permettere la didattica a distanza e uniformarla il più possibile. Si chiama La scuola continua ed è il frutto di un’idea della virologa Ilaria Capua, con il contributo dell’Associazione Copernicani e il supporto del Centro studi Impara Digitale. All’iniziativa hanno aderito anche quattro colossi dell’high-tech: Google, IBM, Microsoft e Tim. Su questo portale è possibile trovare indicazioni per i docenti su come utilizzare le piattaforme, e gli stessi docenti si possono confrontare per approntare le migliori lezioni digitali possibili. Help desk via mail e webinar concordati con Ilaria Capua che risponde alle domande, di docenti e studenti, per approfondire la conoscenza del Coronavirus e dei rischi che comporta. Tra questi, purtroppo, il rischio che l’istruzione dei giovani italiani risenta non poco della sospensione della frequenza nelle aule.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.