Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Ponte Morandi, al via il cantiere per la demolizione: affidata a 5 aziende

1' di lettura

Costerà 19 milioni di euro. Il decreto che affida l'appalto pubblico è stato firmato dal commissario straordinario alla ricostruzione Marco Bucci

Un passo importante per la rinascita di ponte Morandi è stato compiuto. Il sindaco-commissario per la ricostruzione, Marco Bucci, ha firmato il decreto con cui assegna i lavori per la demolizione di ciò che resta del viadotto autostradale. L'appalto è stato affidato a cinque aziende, meno della metà di quelle annunciate dal sindaco una settimana fa.

Al via i lavori di demolizione

I lavori di demolizione, rimozione, smaltimento e conferimento in discarica dei materiali di risulta del viadotto Polcevera valgono 19 milioni al netto dell'Iva. Bucci ha sottolineato che i lavori andranno avanti 24 ore su 24, "ma non ci saranno deroghe sull'inquinamento acustico e ambientale perché i genovesi hanno già pagato abbastanza". “È un momento importante per tutto il Paese. La città deve diventare una metafora della rinascita italiana", ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli commentando l'affidamento dei lavori di demolizione.

Bucci: rispettati gli impegni con i genovesi

"Abbiamo rispettato l'impegno che ci siamo presi con i genovesi, il cantiere è già stato aperto, i mezzi sono già al lavoro, sono arrivate le speciali gru strand jack che smonteranno il viadotto pezzo per pezzo, e dal 15 dicembre ci sarà l'inaugurazione. Un passo fondamentale che dimostra come vogliamo mantenere fede alla promessa fatta: quella di avere il ponte nuovo pronto per la fine del 2019. Tra lunedì e martedì firmerò anche il decreto con cui si assegna la ricostruzione. Ho già deciso, ma non vi dico il nome. La ricostruzione - spiega Bucci - partirà il 31 marzo". In lizza sono rimasti il raggruppamento Salini Impregilo, Fincantieri, Italferr e il gruppo Cimolai con il primo favorito.

Aziende coinvolte passano da 11 a 5

E sulla riduzione delle aziende che demoliranno, passate da 11 a 5 dice: "La negoziazione ha portato a questo. Dobbiamo essere orgogliosi delle nostre aziende sia di quelle che abbiamo scelto e di quelle che sono rimaste fuori". Alcune si sarebbero defilate perché non è stato trovato l'accordo economico: tra queste ci sarebbero le genovesi Carena e Eco Eridania.

I tempi della demolizione

La demolizione inizierà dalle aree di Amiu (la municipalizzata per l'ambiente) che il Comune ha già messo a disposizione. Nei prossimi giorni, entro il 20 dicembre, anche quelle dei privati saranno a disposizione. Il sindaco ha precisato che quelle aree non sono sotto sequestro. "Le parti sotto sequestro riguardano solo il ponte e spero che presto si possa cominciare a lavorare anche sul ponte. Troveremo un accordo con il gip e con tutte le parti", ha detto Bucci.

Quattro mesi dal crollo

Tutto questo è avvenuto nel giorno dell'anniversario del quarto mese del crollo, che è stato ricordato con una sobria cerimonia sul Polcevera a cui hanno partecipato anche alcuni familiari di due vittime albanesi, Marius Djerri, Edi Bokrina. E nello stesso giorno in cui alcuni dipendenti di ditte in zona rossa hanno ricevuto le lettere di licenziamento perché le imprese non riapriranno più. Sul fronte risarcimenti, invece, Autostrade sta chiudendo accordi con i familiari delle vittime che così rinunceranno a costituirsi parte civile. La società ha messo a disposizioni 50 milioni.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"