Bergamo, due neonate morte di pertosse: madri non erano vaccinate

Foto d'archivio Ansa
2' di lettura

Le bimbe, nate a poche settimane l'una dall'altra, erano state trasferite all'Ospedale Papa Giovanni, ma non ce l'hanno fatta e sono decedute a circa un mese dal parto. Il virologo Burioni: immunità svanisce nel tempo

Due neonate, nate a poche settimane di distanza l’una dall’altra, tra maggio e giugno, sono morte a causa della stessa patologia: la pertosse (cosa è e come si cura). Le bimbe - in cura ad Alzano e a Treviglio (in provincia di Bergamo) - sono state trasferite all'Ospedale Papa Giovanni, ma non ce l'hanno fatta e sono decedute a circa un mese dalla nascita. Le madri, come scrive l’Eco di Bergamo, non erano vaccinate contro la malattia.

Burioni: immunità svanisce nel tempo

Sul caso è intervenuto anche il medico Roberto Burioni che, da Facebook, ha spiegato: "Alcuni vaccini proteggono per sempre, altri forniscono un'immunità limitata nel tempo. Questo è il caso del vaccino contro la pertosse, dove addirittura la malattia stessa non fornisce una protezione permanente". E precisa: "Fino agli anni 90 contro la pertosse abbiamo usato un vaccino estremamente efficace che era però gravato di alcuni effetti collaterali rari, ma non trascurabili". Da quel momento si è passati a "un vaccino detto "acellulare" che è sicurissimo, ma meno potente". Questo vaccino "è efficace in quasi il 90% dei vaccinati, ma l'immunità tende a svanire con il tempo; quando questo accade si è comunque protetti dalla malattia in forma grave, ma si può ospitare il microrganismo nella propria gola ed essere una fonte di infezione per gli altri. A causa di questa minore efficacia del nuovo vaccino, e pure a causa delle mancate vaccinazioni, i casi di pertosse stanno aumentando", spiega l'esperto.

I consigli per proteggere i bambini

Il virologo definisce poi la patologia "pericolosissima" proprio per i bambini più piccoli. "Possiamo però proteggerli ugualmente: prima di tutto dobbiamo vaccinare la madre in gravidanza, affinché abbia anticorpi da trasmettere; poi dobbiamo vaccinare i bambini tempestivamente e senza ritardi, in modo che quanto prima possano difendersi da soli da questa minaccia. Infine è opportuno che i fratelli, i parenti, il padre si sottopongano ad un richiamo del vaccino, in modo da rendere impossibile che il batterio della pertosse, dopo averli infettati, arrivi nella gola del neonato", spiega.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"