Tentato femminicidio, 48enne operata nella notte a Sassari

Sardegna
09c998ed64706bf0410a7ac6aa8abd5b

Il compagno dopo aver tentato di ucciderla si è tolto la vita

Piera Muresu, la donna di 48 anni Sennori scampata ialla morte dopo essere stata raggiunta da due colpi di pistola esplosi dal suo compagno 42enne, Adriano Piroddu, che poi si è suicidato impiccandosi nel suo garage, ha ripreso conoscenza ed è ora fuori pericolo. Nella notte era stata sottoposta a un intervento chirurgico al collo e al torace, dove era stata colpita dalle pallottole.

Gli inquirenti, il sostituto procuratore del Tribunale di Sassari Paolo Piras e i carabinieri della Compagnia di Porto Torres, hanno provato a interrogarla sull'accaduto ma la donna è ancora in stato confusionale e non è stata in grado di rispondere alle domande. La sua testimonianza sarà raccolta domani.

Intanto si delineano con maggiore chiarezza i contorni della vicenda. Sono stati sentiti due testimoni chiave che hanno visto la coppia litigare nelle campagne attorno a Sennori, nell'auto di Piroddu. Uno dei testi ha anche parlato con la donna dopo che questa era stata ferita, mentre l'altro ha visto passare l'auto con lei sanguinante mentre i due rientravano in paese. Piroddu infatti, dopo avere sparato alla compagna, l'ha riportata a Sennori, abbandonandola vicino alla sua abitazione e a una postazione del 118 cui Muresu si è rivolta per chiedere aiuto.

Sul corpo dell'uomo la Procura non ha ritenuto necessario effettuare l'autopsia, essendo da subito chiaro al medico legale che la sua morte sia un suicidio per impiccagione. Il garage è stato comunque messo sotto sequestro e nei prossimi giorni sarà eseguita una perquisizione approfondita: gli investigatori non escludono di poter trovare lì l'arma del delitto e un messaggio lasciato dall'uomo prima di togliersi la vita.

Cagliari: I più letti