35 positivi in casa risposo Nuraminis, cure in struttura

Sardegna
ebc6748d7f514e571c1c9b9a484a8465

Direttore, "ci siamo sentiti soli ma ci siamo attrezzati"

Quaranta ospiti con un'età media di 87 anni, sette dipendenti e 35 anziani contagiati da Covid e tre donne decedute dopo il ricovero all'ospedale SS.Trinità di Cagliari. I positivi, tutti asintomatici, sono curati in struttura sotto la supervisione del medico di base del paese con ossigenoterapia a farmaci. E' questa la situazione della casa di risposo "Monsignor Serci" di Nuraminis nel Sud Sardegna, della quale si è occupata anche l'Unione Sarda.

"Due settimane fa abbiamo scoperto il primo caso e abbiamo allertato i servizi sanitari, ma a parte dei contatti telefonici ci siamo sentiti soli, così, grazie al medico di base, abbiamo iniziato la terapia in struttura e ora la situazione, che rimane preoccupante, è stabilizzata", spiega all'ANSA Alessio Setti, direttore della cooperativa onlus Lago e Nuraghe che gestisce otto strutture nel territorio tra le quali quella di Nuraminis.

"Abbiamo trasformato la casa per rendere più efficace l'isolamento degli ospiti, abbiamo assunto nuovo personale e continuiamo a difendere gli ospiti e i servizi, regolando i contatti con i familiari attraverso videochiamate o telefonate" "Da 15 giorni stiamo riuscendo con il massimo sforzo a contenere la circolazione del virus e due giorni fa dall'ospedale è stato anche dimesso un ospite che stiamo continuando a curare qui - conclude Setti - E' un grosso impegno e noi siamo una onlus grossa che opera da 30 anni, ma mi chiedo cosa possa succedere nelle piccole strutture che non possono attrezzarsi".

Cagliari: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24