Protesta prof precari,"siamo usa e getta ora stabilizzateci"

Sardegna
98c00fc5b3cf2e4e5db52af74b3607e6

Circa 5.000 docenti sardi a caccia di assunzione stabile

Circa cinquemila insegnanti precari in Sardegna che chiedono spazio e stabilizzazione nella scuola della ministra Lucia Azzolina. Questo pomeriggio le delegazioni di due associazioni, la Anli e la Anddl, hanno manifestati davanti alla sede del Consiglio regionale per chiedere maggiore considerazione nel mondo dell'istruzione.
    "Insegniamo da anni senza certezze - denuncia Rosa Mulas della Anli - Siamo docenti usa e getta: entriamo a settembre e veniamo liquidati a giugno". Alle porte c'è il concorso. Ma, avvertono i prof, solo duecento su cinquemila ce la faranno. E allora ecco le proposte. Due strade per "premiare" con una assunzione stabile tanti anni di sforzi e sacrifici in classe.
    "Una - spiega la docente di sostegno dell'Andll, Danila Cossu - può essere quella delle assunzioni preferenziali per bilinguismo. La procedura è avviata, ma manca ancora l'accordo finale". L'altro percorso è quello della valorizzazione degli anni di servizio e di formazione. E la richiesta è quella di un concorso riservato per chi ha maturato esperienza sul campo per almeno tre anni. Perché il concorso normale è un'opportunità, ma anche una incognita: chi non vince rischia di rimanere fuori per sempre. "Noi - chiariscono i docenti - non vogliamo essere- gli esodati dell'insegnamento".

Cagliari: I più letti