Progetto per un mangiare consapevole

Sardegna
e20967eca4055015551f5b510f3fede6

Seminari, degustazioni, visite a fattorie: 97 scuole coinvolte

(ANSA) - CAGLIARI, 10 DIC - Fiore sardo, carciofo spinoso di Sardegna, olio extravergine di oliva, zafferano, agnello di Sardegna, culurgionis d'Ogliastra. Queste e altre eccellenze agroalimentari diventano protagoniste di un progetto che si snoda tra seminari, degustazioni, visite alle fattorie didattiche.
    Con un obiettivo di fondo: promuovere un mangiare consapevole e rafforzare il legame con il territorio e tra le comunità. È lo spirito di "Mandigos, la Sardegna in tavola", il programma di educazione finanziato dalla Regione e realizzato da Laore in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale, i Consorzi regionali di tutela Dop e Igp e le associazioni di categoria.
    Novantasette scuole dell'isola, tra pubbliche e paritarie, hanno risposto all'invito dell'Agenzia Laore. Sono 2.210 gli studenti interessati. Alunni di ogni età, ma anche docenti e genitori saranno coinvolti in un'iniziativa didattica e sensoriale per scoprire assieme ai sapori e gusti, la tracciabilità e i marchi di qualità che certificano i prodotti tipici, Dop, Igp, biologici e tradizionali.
    Quattro le azioni previste: la prima è un ciclo di sei seminari, uno per ogni area geografica di riferimento. La seconda riguarda i laboratori di degustazione; nella terza per i più piccoli ci sono le visite alle fattorie didattiche. La quarta e ultima azione mira a coinvolgere gli operatori e i gestori dei servizi di ristorazione scolastica.
    Si parte giovedì 12 dicembre da Cagliari, a Villa Fanny, e il giorno successo a Sassari, nella sala conferenze Ersu in via Coppino, con i primi seminari per insegnanti e rappresentanti dei genitori.
   

Cagliari: I più letti