Abusi, dissequestro villa sindaco Olbia

Sardegna
96816c9bd574ee5aca748a0dae32c373

Tribunale Riesame, conferma sigilli per la sola cantina

Il Tribunale del riesame di Sassari ha dissequestrato parzialmente la villa del sindaco di Olbia ed ex parlamentare di Forza Italia, Settimo Nizzi, situata a Terrata, nel vicino comune di Golfo Aranci. I giudici hanno confermato il sequestro della sola cantina in cui, secondo la procura di Tempio Pausania, sarebbe stata realizzata una cucina in violazione delle leggi edilizie. Accogliendo le richieste degli avvocati difensori di Nizzi, Sergio Deiana e Leonardo Salvemini, il collegio presieduto da Salvatore Marinaro ha fatto cadere le accuse più pesanti contro il primo cittadino olbiese, la cui villa era stata posta sotto sequestro il 22 ottobre scorso.

"Abbiamo dimostrato che la villa è stata costruita secondo le norme e con tutte le autorizzazioni necessarie - commenta l'avvocato Deiana - aspettiamo di conoscere le motivazioni della decisione dei giudici per valutare un eventuale ricorso in Cassazione contro il sequestro della cantina". Gli agenti del Corpo forestale, su disposizione della gip di Tempio Pausania Caterina Interlandi, avevano messo i sigilli all'abitazione per presunti abusi edilizi. Secondo la Procura. l'edificio sarebbe stato realizzato a concessione edilizia scaduta e in un terreno con vincoli per rischio idrogeologico. Tra gli abusi, veniva poi contestata la trasformazione della cantina in una cucina.

Cagliari: I più letti