Opera Manu Invisible per 10 anni Ied

Sardegna
334e591af77a83d5e7c1126efccbee17

Musica e street art per la festa evento che inaugura nuovo corso

 "Futuro" una parola di "buon auspicio e dal forte potere comunicativo". Spiega così Manu Invisibile il senso del lavoro realizzato in diretta per lo Ied in occasione di "(Verso il)Futuro. 10 anni di IED": festa evento per i 10 anni dalla riapertura dell'Istituto Europeo di Design di Cagliari guidato dal 2015 da Monica Scanu. Vernici e spray, tuta e immancabile maschera ispirata alla geometria e alla notte, il celebre artista e street artist ha dato vita all'opera nel giardino della storica sede di Villa Satta in stile liberty, circondata da un ampio parco. Il suo segno artistico, con la parola richiamata a grandi lettere, lo ha impresso su un contenitore in legno. Adesso fa parte dell'arredo a dare il benvenuto da dietro la reception a chi varca la soglia dello Ied. Omaggio alla scuola nata a Cagliari nel 1984 e tornata al suo splendore nel 2009.

"La prima, pur gloriosa, fase della scuola era impostata in maniera diversa, abbiamo voluto sottolineare la discontinuità", sottolinea Monica Scanu. Durante la serata tra musica, arte e celebrazioni, è stato proiettato anche un video di Francesco Morelli, scomparso nel 2017, nato in provincia di Oristano e vissuto a Cagliari e fondatore nel 1966 della grande scuola Ied di Milano che ora conta 11 sedi in Italia e nel mondo."Il futuro per la nostra scuola sono i nostri studenti e la loro energia, entusiasmo passione - spiega all'ANSA Monica Scanu - i nostri progetti didattici, tesi di diploma, progetti che sviluppiamo con le aziende del territorio regionale e nazionale.

Le nuove proposte formative brevi e per tutti, le summer week. E' crescere insieme agli studenti e al territorio, canalizzare le loro energie e rendere ancora più fertile e positiva la loro creatività. E' andare avanti, far crescere la comunità IED e quella del mondo del design nei suoi molteplici aspetti. Tutto questo è futuro".
   

Cagliari: I più letti