Geoparco Sardegna fuori da rete Unesco

Sardegna
c22eb7bb578716bede4ad444eb2dd3d5

Cartellino rosso, ma ente potrà nuovamente ritentarci

Il parco Geominerario della Sardegna non è più nella rete dei parchi mondiali garantiti dal patrocinio dell'Unesco. La lettera dell'Executive Board Unesco Global Geoparks è arrivata nelle scorse ore. Per restare nell'organismo internazionale bisognava costituire un insieme integrato e collegato nei suoi elementi costituitivi. Il Geoparco sardo ci ha provato, anche con l'aiuto della Regione, ma il board, che aveva già avvisato l'ente statale con due cartellini gialli, ieri ha emesso il suo verdetto. Nessuna porta chiusa. Ci potrà riprovare. "Siamo arrivati solo due anni fa - dicono Tarcisio Agus e Ciro Pignatelli, rispettivamente presidente e direttore del Parco - sapevamo di avere ricevuto un compito ben arduo. Fare il miracolo di chiudere il processo, e rendere unite, collaborative e consapevoli del proprio patrimonio, tutte le aree del Geoparco Unesco. Ma, non si può creare ciò che esiste solo sulla carta".

"Questo ci hanno detto i commissari dell'Unesco: ci hanno chiesto di ridimensionare il progetto e riproporlo nelle sue reali dimensioni di Parco geominerario di grande ricchezza storica culturale e naturale". Una missione difficile. "Era stato premiato con il marchio Unesco - ricordano - un progetto, un'idea che aveva bisogno di essere tutta costruita: l'idea di poter ambire ad essere il geoparco più grande d'Europa. Ma già i due cartellini gialli hanno mostrato la complessità di un processo, per la cui realizzazione c'era la necessità di forti strutture politico-istituzionali ma anche di un efficiente apparato tecnico. Di assunzione di responsabilità politica (la prima che è venuta meno nell'avvicendarsi di maggioranze più o meno sensibili al progetto), ma anche di una condivisione e collaborazione totale di tutte le aree che, sulla carta, formano il grande progetto Unesco". La battaglia continua. "Ce la stiamo mettendo tutta per dare al Parco una dignità di Ente autonomo, motore di una valorizzazione del patrimonio storico e ambientale di cui la Sardegna deve essere fiera rappresentante".
   

Cagliari: I più letti