Latte, si riprende la via del negoziato

Sardegna
80c815ec8a7e9258bafaa07178b98895

Assemblea di Più Sardegna a Tramatza con assessora Agricoltura

I pastori, almeno quelli dell'organizzazione Più Sardegna che hanno partecipato all'assemblea di Tramatza, provano ancora a battere la strada della contrattazione e del dialogo con le istituzioni. Per portare su il prezzo del latte hanno presentato all'assessora regionale dell'Agricoltura, Gabriella Murgia, la loro proposta. E cioè un contratto triennale che, attraverso alcuni parametri ben definiti, consenta di arrivare a quella che gli allevatori ritengono una equa remunerazione del lavoro delle campagne.

Non c'è tempo da perdere: definito un miniprogramma che prevede un aggiornamento già fissato per il prossimo 15 settembre. "L'assessora ritiene buona la nostra proposta e la presenterà ai suoi tecnici", spiega all'ANSA Valentina Manca, presidente dell'associazione che rappresenta in Sardegna circa 400 pastori. La stessa assessora lunedì 2 settembre incontrerà Oilos, l'organismo interprofessionale del latte ovino sardo.

L'assemblea di Tramatza si è sciolta con la promessa di un nuovo incontro fra due settimane per fare il punto della situazione. Ribadito l'appello all'unità di tutti gli allevatori sardi a pochi giorni dalla ripresa - per ora si tratta di episodi isolati - della protesta, con nuovi sversamenti in azienda, contro una remunerazione del prodotto che non decolla. L'obiettivo è quello di arrivare a un prezzo del litro, determinato dall'accordo delle parti, mai inferiore al valore medio del costo di produzione del latte indicato come base della trattativa: 1,12 euro, Iva esclusa.
   

Cagliari: I più letti