Sigilli a parte discarica Spiritu Santu

Sardegna
a0d2fa9db929ca567b66f4b65887b0fe

Inchiesta della Procura di Tempio su stoccaggio scarti speciali

Inchiesta della Procura di Tempio sulla discarica del Cipnes a Spiritu Santu. Su disposizione della pm Ilaria Corbelli, i carabinieri di Porto San Paolo e i militari del Nucleo operativo ecologico di Sassari hanno notificato l'apertura delle indagini al Consorzio industriale provinciale del nord est Sardegna e messo sotto sequestro un'area di circa 150 metri quadrati all'interno della discarica, estesa per 120mila metri quadrati.

Secondo le contestazioni della Procura, in quella porzione di discarica sarebbe stata rilevata la "raccolta, il trasporto e lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi". Si tratterebbe di idrocarburi di zinco, "la cui quantità non è stata evidenziata, né tantomeno è stato indicato l'indice di tolleranza rispetto alle leggi vigenti" precisa il Cipnes in una nota ufficiale. "La disposizione della Procura non ha minimamente influito sul funzionamento dell'impianto", assicura il Consorzio.

La Procura accusa il Cipnes di inosservanza dell'autorizzazione ambientale in relazione a un'analisi risalente al 19 settembre 2018. "Si fa presente che l'accertamento - sottolinea il corsorzio - non è stato fatto in regime di contraddittorietà, come per esempio è avvenuto l'11 ottobre 2018, e per due volte il 25 ottobre 2018, in occasione di altri tre prelievi con relative analisi della Polizia di Stato, dall'Arpas e dello stesso Cipnes con certificato Acredia (ente certificatore del Ministero dell'Ambiente), dalle quali è emersa l'assoluta regolarità, visto che si trattava di rifiuti civili urbani".

Cagliari: I più letti