Scuola, docenti in sciopero nell'Isola

Sardegna
868e1ebb42fe75f1f1bf4842413e28e3

Adesione a mobilitazione per chiedere piano di rientro a Governo

Anche il Comitato delle Valigie del 10 Agosto e i "Docenti Sardi Fuori Regione e Fuori Provincia" si uniscono alla protesta e allo sciopero di oggi promosso da Ulm scuola per chiedere al Governo un urgente piano di rientro. Sono circa 30.000 in tutta Italia che dall'entrata in vigore della Legge 107 del 2015 definita "Buona Scuola" sono ancora lontano da casa.

"Pur non presenti fisicamente a Roma a causa dei noti problemi economici e di collegamento con il continente - spiegano - i docenti del Comitato delle Valigie del 10 Agosto e Docenti Sardi Fuori Regione e Fuori Provincia, assunti con il piano straordinario di Renzi e Giannini, ribadiscono ancora una volta le storture della legge 107 e rivolgono un ulteriore appello al Governo, al quale chiedono a gran voce un urgente piano di rientro. Un piano di mobilità che punti prioritariamente al rientro dei docenti, rispetto ad ogni nuova assunzione futura fino a copertura dei posti disponibili".

Situazione affettiva, ma anche economica, difficile. "I docenti a metà prezzo - osservano le associazioni- sono coloro i quali, spediti a centinaia di chilometri da casa, devono vivere con uno stipendio dimezzato, per sostenere le spese della trasferta forzata". È la domanda è inevitabile: "Si chiede al Governo- concludono le associazioni- una soluzione rapida che non sia ancora una volta provvisoria. Perché spedire lontano dalla propria regione e dalla propria provincia centinaia di docenti, quando i posti erano e sono disponibili nel luogo di residenza?".
   

Cagliari: I più letti