Teatro: il mito di Gigi Riva in scena

Sardegna
1561bf36d5bb1c48525f1a8718c4741d

Successo piece di Lay, in sala anche figlio Nicola e Tomasini

di Maria Grazia Marilotti

Il campo, il pallone, la porta, la bandierina del corner e l'immancabile televisore in bianco e nero delle domeniche sportive. Bastano pochi elementi scenici ad Alessandro Lay per dipingere un duplice ritratto di Gigi Riva: l'uomo e il mito, vita e imprese di un fenomeno del calcio italiano. Il regista e attore ha portato in scena al Teatro La Vetreria per il cartellone Cada Die il suo "Riva Luigi '69 '70 - Cagliari ai dì dello scudetto" che si è concluso proprio come una delle partite di Rombo di Tuono tra gli applausi di un pubblico entusiasta ed emozionato. Come il figlio del bomber, Nicola, e le adorate nipoti, e Beppe Tomasini, compagno di squadra del Cagliari dello scudetto, seduti in sala. Alessandro Lay in un monologo di un'ora racconta le gesta sportive ma soprattutto il volto umano di Gigi Riva, il ragazzino che rimase orfano di padre e di madre, il giocatore che disse no alla Juve di Agnelli e lo fa intrecciandole a episodi della sua vita personale. Il regista cagliaritano decodifica la mitologia del "dio pallone" e con un doloroso e a tratti struggente meccanismo di memorie, in un raffinato gioco di specchi, dove il calcio diventa rimpianto e metafora di una complicità mancata con la figura paterna, intreccia il suo vissuto con quello di Riva. Dall'infanzia difficile a Leggiuno, all'arrivo nel 1963 in Sardegna che "in quegli anni era la terra dei banditi, dei pastori, un posto da fuggir come la peste". E poi le imprese all'Amsicora, la nazionale, i gol leggendari come la spettacolare rovesciata a Vicenza, le 252 reti segnate e il record ancora imbattuto di capocannoniere in nazionale. Sullo sfondo la Cagliari ai tempi dello scudetto, con lo stadio pieno dalla mattina. Frammenti del mito misti a ricordi del regista che non ha paura di confessare sul palco di non essere mai stato "fedele" al calcio, ma vedere giocare Riva è "come ascoltare gli assoli di Hendrix o Coltrane". Arte pura. A fine spettacolo un lunghissimo applauso, tributo ad Alessandro Lay e al grande Gigi Riva. "Lay è riuscito a cogliere proprio questo attaccamento di mio padre a questa terra, sono sicuro che lo spettacolo gli piacerà e spero che possa vederlo", ha detto all'ANSA Nicola Riva. "In questo bellissimo lavoro ho rivissuto gli anni felici del Cagliari dello Scudetto - ha commentato Tomasini - ho rivisto il mio compagno di squadra Gigi, grande trascinatore, grande uomo dentro e fuori dal campo".

Cagliari: I più letti