Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Primi passi Autonomia in Cdm, Salvini tranquillizza M5s

@ANSA
1' di lettura

Ma ironizza, a me dossier 5s in ritardo. Partiti in fibrillazione

Il Consiglio dei ministri ha avviato il percorso delle intese con Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna che dovrebbe portare ad attribuire a queste regioni una serie di competenze che incidono sulla vita dei cittadini: dalla scuola, alla sanità, alle casse di risparmio. Una novità che entusiasma la maggior parte degli abitanti delle tre Regioni, ma spaventa i residenti del Sud che temono il venir meno di risorse che assicurano i servizi di base. Timori che attraversano la maggioranza, con M5s che in un dossier ha espresso il timore che i cittadini del Sud saranno "di serie B", punto su cui il ministro Matteo Salvini ha tentato di rassicurarli.

La trattativa tra lo Stato e le tre Regioni è stata avviata dal Governo Gentiloni il 28 febbraio 2018, ed è stata condotta in questi mesi dal ministro per gli Affari Regionali, Erika Stefani che, ha portato oggi in Consiglio dei ministri le bozze delle tre Intese dopo il via libera del Ministero dell'Economia.

Il tema di fondo, infatti, sono le risorse finanziarie che le tre Regioni reclamano per gestire le nuove competenze: 23 quelle richieste da Veneto e Lombardia, 16 quelle dell'Emilia. Luca Zaia, Governatore del Veneto, ha spiegato che "si parte dalla spesa storica" di ciascuna competenza, "che verrà superata nel giro di tre/cinque anni", al termine dei quali le risorse non potranno essere inferiori alla media nazionale. Le risorse verranno dalla "compartecipazione dell'Irpef" e "di altri tributi". Insomma non siamo ai nove decimi dei tributi versati che dovevano rimanere in Regione come aveva promesso Zaia, cosa che spinge il Pd locale a parlare di "veneti gabbati" dalle "promesse" del governatore. Sul resto, Zaia ha detto che sono state accolte il 70% delle richieste, ma che resta da trovare l'intesa su temi importanti come "le autostrade, le concessioni in generale, la cultura e l'ambiente e la sanità". Il governatore si dichiara tuttavia un "inguaribile ottimista", come il ministro Stefani: "Siamo consapevoli che il percorso non è concluso, ma siamo ottimisti sul risultato perché stiamo compiendo un passo importantissimo".

Più cauto il Governatore dell'Emilia, Stefano Bonaccini: "Un passo avanti, ma non certo quello conclusivo, per un'intesa che va ancora trovata".

Per quanto riguarda il piano politico, M5S ha manifestato inquietudine con il presidente della Commissione Cultura, Luigi Gallo: "Tutta questa fretta e riservatezza nel definire una trasformazione epocale non ha alcun senso. Il dibattito sull' autonomia va reso pubblico e va parlamentarizzato". Il testo infatti che recepisce l'intesa giungerà non modificabile alle Camere. Per questo il ministro Stefani ha assicurato anche in Consiglio dei ministri che il Parlamento verrà comunque "coinvolto" prima della sigla delle tre intese.

In più i gruppi di Camera e Senato del M5s hanno preparato un dossier sul tema dell'Autonomia molto critico, in cui si sottolinea il rischio che si creino "cittadini di serie A e di serie B" se prima delle Intese non si definiscono i Livelli essenziali delle prestazioni (Lep) da assicurare ai cittadini di tutte le regioni. Proprio in Consiglio dei ministri, ed anche all'uscita Salvini ha cercato di tranquillizzare M5s su tale rischio: "chi lo teme non ha letto il testo". Interpellato sul dossier di M5s Salvini, seppur sorridendo, ha fatto una battuta polemica con gli alleati: "ultimamente i dossier li vedo sempre in ritardo" ha affermato riferendosi anche a quello sulla Tav.

La determinazione preventiva dei Lep è stata chiesta anche da da Leu, con Roberto Speranza, e da Nicola Zingaretti, nella duplice veste di governatore del Lazio e candidato alla segreteria del Pd, e Mara Carfagna di Fi. I Dem hanno al loro interno i favorevoli, come i governatori Bonaccini e Chiamparino, e i contrari come i governatori del Sud, a partire da Vincenzo De Luca. Stesso scenario per FI, con Giovanni Toti favorevole e i parlamentari del Sud sul piede di guerra. Silvio Berlusconi tenta una sintesi: "Siamo favorevoli ad una maggiore autonomia ma teniamo in grande considerazione le ragioni del Sud".

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"