Uccide la madre, Gip dispone il carcere

Emilia Romagna
@ANSA
daddca1d08188ce86539cf315ae99ff3

Figlio aveva simulato morte naturale, non risponde in udienza

Il gip del Tribunale di Bologna, Alberto Gamberini, non ha convalidato il fermo, ma ha disposto la custodia cautelare in carcere nei confronti di Bruno Grandi, geometra bolognese di 58 anni, che mercoledì sera ha strangolato e ucciso la madre 85enne, Elvira Marchioni, gravemente malata. Inizialmente ai soccorritori, che lui stesso ha chiamato, Bruno Grandi ha detto che la madre - con problemi alla vista e non più autosufficiente - era morta soffocata da un boccone e che i segni sul collo erano dovuti al suo tentativo di liberarle la gola, ma fin dall'inizio questa versione non ha convinto la polizia. Poi il giorno successivo davanti agli investigatori della squadra Mobile e al pm Luca Venturi l'uomo è crollato. "Ho sbroccato, non ce la facevo più, siete gli unici che mi hanno ascoltato, forse avrei dovuto farmi aiutare prima" ha detto dopo la confessione, ringraziando i poliziotti. Il 58enne, che durante l'udienza si è avvalso della facoltà di non rispondere, è difeso dall'avvocato Alberto Bernardi.
   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.