Invasione di locuste in Kenya: è la peggiore da 70 anni. VIDEO

Ambiente

Uno sciame può contenere centinaia di milioni di insetti. Come spiega la Fao, il numero di esemplari in Africa orientale è destinato a crescere di 500 volte per il prossimo giugno. Servono 70 milioni di dollari per la disinfestazione

Un'invasione di locuste del deserto come non si vedeva da 70 anni. Nella contea di Embu, in Kenya, un abitante locale ha girato un filmato - poi diffuso da Storyful - dove si nota il vasto sciame di insetti, particolarmente frequenti nella zona orientale dell'Africa in questo gennaio. La Fao, l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, ha avvisato il governo di Nairobi e i Paesi confinanti dell'arrivo di massa delle locuste e dei problemi che ne potrebbero derivare.

Settanta milioni di dollari per l'emergenza

L'agenzia dell'Onu ha spiegato che servono almeno 70 milioni di dollari per la disinfestazione e per garantire alla popolazione locale mezzi di protezione e sostentamento. L'invasione in corso in Etiopia, Somalia e Kenya sta infatti causando grandi danni al raccolto e devastando coltivazioni. L'unica opzione davvero efficace, spiega la Fao, è il "controllo aereo", cioè spruzzare insetticidi da appositi velivoli. Ma c'è bisogno di fondi.

L'allarme della Fao

Le stime per il prossimo giugno parlano di un numero di locuste destinato a crescere di 500 volte in Africa orientale. Gli sciami possono contenere anche centinaia di milioni di singoli esemplari. Si tratta di un'emergenza che non si vedeva in Etiopia e Somalia da 25 anni, addirittura 70 in Kenya. A rischio anche Sud Sudan e Uganda. Le locuste possono percorrere fino a 150 chilometri al giorno, e ogni insetto adulto può mangiare quotidianamente una quantità di cibo equivalente al proprio peso. La Fao spiega anche che uno sciame delle dimensioni di Parigi potrebbe consumare in un solo giorno la stessa quantità di cibo della metà della popolazione della Francia.

La situazione in India, Iran e Pakistan

Gli sciami si sono diffusi dallo Yemen attraverso il Mar Rosso. Le forti piogge alla fine del 2019 hanno creato le condizioni ideali per far prosperare le locuste, anche su scala mondiale. Infatti, oltre al crescente numero in Africa orientale, questi insetti si sono riprodotti anche in India, Iran e Pakistan, e in primavera potrebbero trasformarsi in nuovi sciami.

Ambiente: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24