Musica, 48 anni fa il primo album dei Led Zeppelin. FOTO

Il disco del debutto, che porta lo stesso nome della band e ha il famoso dirigibile tedesco in copertina, è tra le pietre miliari della storia del rock. La rivista “Rolling stone” lo ha inserito alla posizione 29 nella lista dei 500 migliori album di tutti i tempi. LA FOTOGALLERY

  • “Led Zeppelin”, l'album di debutto dell'omonima band britannica, è stato pubblicato il 12 gennaio 1969 negli Stati Uniti dall'etichetta Atlantic records. È conosciuto anche come “Led Zeppelin I”, cui seguirà, alla fine di quello stesso anno, il II (e poi il III nel 1970 e il IV nel '71) - Il primo disco dei Led Zeppelin
  • ©Getty Images
    Il disco fu registrato agli Olympic studios di Londra alla fine del 1968, subito dopo il primo, breve tour dei Led Zeppelin negli Stati Uniti. Nella foto, del settembre 1970, tre dei quattro componenti del gruppo, premiato come miglior band britannica: da sinistra a destra, Jimmy Page, Robert Plant e John Bonham - I Led Zeppelin su Sky Arte
  • ©Getty Images
    Disco d'oro il 22 luglio 1969, negli Stati Uniti l'album rimase in classifica per 400 settimane e “Rolling stone” lo ha inserito nella sua lista dei 500 migliori album di tutti i tempi, alla 29esima posizione. Anche la copertina dell'album – rielaborazione di un fotogramma del disastro dello Zeppelin LZ 129 Hindenburg del 6 maggio 1937 – è passata alla storia del rock - Le più belle copertine del rock
  • ©Getty Images
    Il dirigibile in copertina fu causa di una minaccia di querela da parte di Eva, nipote del Conte von Zeppelin, che nel 1970 a Copenaghen durante un'esibizione del gruppo si rese conto della connessione tra il nome della band e la tragedia - La notizia sul sito ufficiale della band
  • ©Getty Images
    L'immagine dello Zeppelin, nonostante ciò, resta indissolubilmente legata alla band così composta (da destra a sinistra nella foto, davanti al loro aereo privato,lo “Starship”): Robert Plant (voce), Jimmy Page (chitarra), il compianto John Bonham (batteria, morto nel 1980) e John Paul Jones (basso e organo) - Il volo rock dei Led Zeppelin
  • ©Getty Images
    L'album incarna l'evoluzione del rock a cavallo tra gli anni '60 e '70, con Page destinato a diventare uno dei chitarristi più influenti della storia della musica. Il gruppo è qui ritratto negli anni '90 con i figli di Bonham, scomparso nel 1980 - "Whole Lotta Love" è il miglior riff di sempre
  • ©Getty Images
    La canzone di apertura di “Led Zeppelin I” è “Good times, bad times”, ma il pezzo più importante – nonché quello che chiude il Lato A – resta “Dazed and confused”, in cui l'assolo di chitarra di Page è suonato con un archetto da violino - Tra le star che non hanno mai vinto un Grammy
  • ©Getty Images
    Nel Lato B, “Your time is gonna come” è caratterizzata invece dall'organo Hammond (tipico di quegli anni) suonato da Jones. Chiude il disco il blues “How many more times” - Un libro fotografico sui Led Zeppelin
  • ©Getty Images
    La ristampa di Led Zeppelin I (con il II e il III) è uscita a giugno del 2014. La foto di Jones, Plant e Page, risale a qualche anno prima. La versione deluxe dell'album ha come copertina il negativo di quella originale e contiene le registrazioni al teatro Olympia di Parigi - Led Zeppelin sul podio su Spotify