Soldi, Cenacolo e periferie: videoclip-provocazione di Kendrick Lamar

Un'immagine tratta dal video di "Humble" (Getty Images)
1' di lettura

Il rapper americano ha lanciato "Humble", un brano dai contenuti espliciti. Che però nelle immagini si ispira al repertorio biblico...  

A stretto giro dalla pubblicazione del singolo “The heart part 4”, datato 23 marzo, Kendrick Lamar alza il tiro e regala ai fan una nuova canzone, stavolta completa di video. “Humble”, questo il titolo dell'ultima fatica del famoso rapper americano, potrebbe andare a confluire nel prossimo album dell'artista, atteso entro l'anno.

 

Sul filo dell'analogia – Il video porta le firme illustri di Dave Meyers e dei Little Homies. Il primo è uno dei registi di videoclip col palmares più nutrito: da Notorius Big (uno dei miti dello stesso Lamar) a Pink, passando per Britney Spears e Shakira. I secondi sono, invece, un duo composto da Dave Free e Kendrick Lamar stesso. Le immagini giocano sul filo dell'analogia, a fronte di un testo da “bollino rosso” a sfondo chiaramente sessuale. Nella carrellata di sequenze ne spicca una, in particolare, che cita apertamente “L'ultima cena” di Leonardo da Vinci: agli apostoli, però, si sostituisce una banda di rapper in occhiali da sole. Un'altra scena vede Lamar e una serie di uomini dal capo avvolto dalle spire di una corda, tutti con la sommità della testa in fiamme come in una sorta di Pentecoste (la discesa della fiamma dello Spirito Santo sui discepoli di Cristo dopo la sua morte). Non mancano, però, nemmeno i classici del genere: piogge di banconote, “lati B” e periferie urbane popolate da facce poco raccomandabili. “Humble” si è avvalso della produzione Mike Will Made-It, un altro nome che già si era affiancato a successi di Rihanna, Miley Cyrus, Lil Wayne e Beyoncé.

 

 

Gli ultimi successi - Poco più di un anno fa usciva l'ultima raccolta di inediti di Lamar, “Untitled unmastered”, una selezione di materiale scartato dal precedente “To pimp a butterfly”, del 2015. Quest'ultimo Lp è stato un grandissimo successo: vincitore del Grammy come miglior album rap, ha conquistato inoltre il record di ascolti nel primo giorno di pubblicazione su Spotify: oltre 9,6 milioni di stream. “To pimp a butterfly”, trionfo di critica e pubblico e numero uno nelle classifiche inglesi e americane, non è andato oltre la posizione 32 nelle charts italiane.



Leggi tutto