Sono gli elefanti i mammiferi più nottambuli: dormono 2 ore per notte

Elefanti africani nel Parco nazionale di Amboseli (Kenya). Sullo sfondo, il Kilimangiaro (Getty Images)
1' di lettura

Lo sostiene una ricerca dell’Università sudafricana del Witwatersrand, che ha studiato il comportamento di due pachidermi in Botswana. Gli animali, in cattività, riposano invece dalle 4 alle 6 ore

Gli elefanti africani non sarebbero solo gli animali più grandi del pianeta sulla terraferma, ma anche i mammiferi più nottambuli del globo. È quanto emerge da un nuovo studio effettuato dall'Università sudafricana del Witwatersrand di Johannesburg e pubblicato su "Plos one". La ricerca ha infatti dimostrato che questi animali dormono appena due ore per notte, e non dalle 4 alle 6 ore come si riteneva in precedenza. E nemmeno tutte le notti. Si tratta del sonno più breve di qualsiasi mammifero studiato finora: un comportamento che, secondo gli studiosi, sarebbe direttamente correlato a fattori come le grandi dimensioni del loro corpo e la costante presenza di pericoli esterni.

 

L’esperimento condotto in Botswana – La ricerca è la prima mai effettuata su animali in libertà. Gli studiosi hanno preso in esame per 35 giorni due elefanti africani (Loxodonta africana) che vivono in natura nel Parco nazionale del Chobe, in Botswana. Le rilevazioni sono state fatte per mezzo di un attigrafo - uno strumento che consente di monitorare il sonno – inserito nella proboscide, e di un collare con giroscopio per tracciare le posizioni assunte durante il riposo: "Gli studi sul sonno degli elefanti in cattività hanno mostrato che dormono dalle 4 alle 6 ore per notte, che nel loro habitat naturale si riducono a due", hanno osservato i ricercatori. Per gli studiosi, inoltre, i grandi pachidermi africani entrerebbero in fase di Rem – la fase del sonno accompagnata dai sogni e caratterizzata da movimenti oculari rapidi e ritmici - solo ogni tre o quattro giorni.

 

Sevgli anche per 46 ore di fila – Oltre a rilevare la durata del sonno, attraverso il monitoraggio si è notato che in alcuni giorni gli elefanti non hanno dormito, restando svegli fino a un massimo di 46 ore consecutive e percorrendo distanze considerevoli, di circa 30 km. All’origine del comportamento ci sarebbe la presenza di pericoli esterni, come bracconieri, leoni e altre minacce al loro territorio o ai loro piccoli. Anche la stazza degli elefanti africani, poi, inciderebbe: gli animali di grandi dimensioni tendono infatti a dormire meno perchè, nella loro giornata, la ricerca e il consumo di cibo richiedono normalmente più tempo rispetto agli altri mammiferi. In merito alle posizioni tenute durante il sonno, invece, è emerso che gli animali non hanno dormito sdraiati tutte le notti, ma che spesso si riposano rimanendo in piedi.

Leggi tutto