Trapianti, anno record in Italia: +18% rispetto al 2016

La media italiana dei donatori supera i 28 per milione di abitanti (Getty Images)
3' di lettura

Il Centro-nord è il più “generoso”. Italia in vetta in Europa e seconda solo alla Spagna. Calano i pazienti in attesa e le opposizioni alle donazioni

Il 2017 è stato un anno positivo per i trapianti in Italia: i dati preliminari del Centro nazionale trapianti (Cnt) fanno segnare una crescita mai registrata, sia per quanto riguarda i donatori di organi – oltre 28 ogni milione di abitanti – sia per il numero degli interventi eseguiti.

Record per trapianti e donatori

Le donazioni di organi aumentano del 18% rispetto al 2016, quando già i numeri sottolineavano un trend positivo. I dati del Cnt del ministero della Salute, aggiornati al 30 novembre, sono stati illustrati venerdì 22 dicembre durante l'Open Day a Roma. E parlano appunto di una media di 28,7 donatori per milione di abitanti (erano 24,3 lo scorso anno) e di un numero di interventi che potrebbe arrivare a poco meno di quattromila entro la fine del 2017. Rovescio (positivo) della medaglia: i pazienti in lista d'attesa per un trapianto fanno registrare un calo per il secondo anno consecutivo e passano dai 9.026 del 31 dicembre 2016 agli 8.774 del 30 novembre 2017. In calo (dal 32% al 28%) anche le opposizioni alle donazioni.  

Nord al top per le donazioni di organi

Questi numeri posizionano l'Italia al di sopra della media europea di 18,4 donatori ogni milione di abitanti, dietro soltanto alla Spagna. L'incidenza delle donazioni è molto più alta al Centro Nord, dove la media è di 35,4 donatori (contro i 19,1 del Centro Sud, dove comunque si confermano la crescita e la media sopra il dato europeo). Numeri “di grande importanza – come ha spiegato all'AdnKronos il presidente del Centro nazionale trapianti, Alessandro Nanni Costa – perché vuol dire che nell'area Centro Nord abbiamo un modello che ha raggiunto risultati finora ottenuti solo da quello spagnolo, e che sono tra i migliori al mondo”.

Gli interventi: salgono rene, fegato e cuore

Tra i 3.688 interventi registrati a fine novembre, in aumento i trapianti di rene (che passano dai 1.796 del 2016 ai 1.971 del 2017), di fegato (da 1.213 a 1.309) e di cuore (da 266 a 272). In lievissimo calo, invece, il numero di trapianti di polmone, passati da 147 a 144. L'anno si chiude poi con circa 500mila donatori – 20mila solo nel 2017 – iscritti all'Ibmdr (Italian bone marrow donor registry), il registro italiano dei donatori di midollo osseo, indispensabile nel caso di malati che soffrano di alcune patologie del sangue, tumorali o leucemiche. In crescita, infine, anche le donazioni di staminali emopoietiche da donatore volontario: al 7 dicembre erano 209 (con altre 7 previste entro la fine dell'anno) a fronte delle 208 del 2016 e delle 190 del 2015.  

Leggi tutto
Prossimo articolo