Malaria, negli Usa verrà testato un vaccino su adulti

Test sulle zanzare "vettore" della malaria (Foto d'archivio: Getty Images)
3' di lettura

Si tratta dell'esperimento più ampio mai condotto infettando deliberatamente i soggetti immunizzati. Test su 160 volontari che saranno infettati da zanzare per vedere se il potenziale vaccino funziona. È lo stesso che sarò testato su bambini in Africa l'anno prossimo

Un vaccino per la malaria, la malattia che ha ucciso una bimba a Brescia e che ogni anno colpisce oltre 200 milioni di persone e provoca più di 400 mila morti (il 70% bambini), non esiste ancora ma potrebbe avvicinarsi. Negli Stati Uniti è partito un test su adulti, il più ampio mai condotto infettando deliberatamente i soggetti immunizzati. Lo hanno annunciato l'organizzazione Path, l'alleanza internazionale contro la malattia, e il Walter Reed Army Institute of Research.

Test su 160 adulti

La sperimentazione, spiega un comunicato, riguarderà 160 persone, volontarie, la cui vaccinazione è già iniziata, che verranno poi esposte al plasmodio (il parassita che provoca la malattia) attraverso punture di zanzare infette. L'infezione avverrà in ambiente di laboratorio controllato dopo tre mesi dall'ultima dose somministrata. Il vaccino usato è l'Rts,s, lo stesso che verrà testato su larga scala in Africa il prossimo anno, ma con differenti formulazioni, per verificare se cambiando il dosaggio aumenterà l'efficacia, ora considerata bassa per un uso generalizzato. "Questo studio è determinante per capire se il vaccino Rts,s, originariamente sviluppato per prevenire la malaria nei bambini, può essere efficacemente adattato per prevenire l'infezione in tutte le popolazioni a rischio nei paesi endemici, accelerando l'eliminazione del parassita", spiega Ashley Birkett di Path.

Il vaccino Rts,s

Il vaccino RTS,S-Mosquirix è stato sviluppato 30 anni fa, nel 1987, dai laboratori della casa farmaceutica GlaxoSmithKline anche grazie a donazioni da associazioni, come la Path e la Fondazione di Bill e Melinda Gates.

La sperimentazione in Africa

In Africa la malaria uccide un bimbo ogni due minuti ed è in tre Paesi di questo continente - Ghana, Malawi e Kenya - che nel 2018 debutterà un'ampia sperimentazione del vaccino Rts,s nella formulazione pediatrica. Nei test ha dimostrato di prevenire il 40% dei casi, di ridurre di un terzo quelli gravi e di far calare ricoveri e necessità di trasfusioni. Nonostante un'efficacia bassa rispetto ad altri vaccini, secondo le proiezioni degli esperti può comunque salvare decine di migliaia di vite ogni anno. Per ottenere i migliori risultati è necessario inocularne quattro dosi, una volta al mese per i primi tre mesi e poi una quarta dopo un anno e mezzo, fondamentale per allungare la copertura dalla malattia. Per la necessità di iniezioni multiple l'Organizzazione mondiale della sanità ha deciso di procedere con un progetto pilota che coinvolgerà 750 mila bambini tra 5 e 17 mesi. I tre Stati potranno decidere in quali aree concentrare gli sforzi.

Zanzara, killer spietato

La fonte del contagio sono un particolare tipo di zanzara. Questo è l'insetto più letale del pianeta: ogni anno provoca la morte di 830 mila persone attraverso i diversi agenti infettivi che trasmette, da quello della malaria a Dengue, Zika e altre patologie. La maggior parte del peso in termini di mortalità viene comunque dalla malaria.

Leggi tutto
Prossimo articolo