Vaccini, preside rifiuta bimba: a Milano genitori chiamano carabinieri

2' di lettura

La dirigente di una scuola materna in via Goldoni ha invitato i genitori a riportare a casa una bambina non vaccinata. La coppia ha chiamato i militari, che hanno potuto solo prendere atto della situazione. Caso simile a Udine. Alunni rimandati a casa anche a Roma

“Se la bambina non è vaccinata non può entrare a scuola”. Così la preside di una scuola materna in via Goldoni, a Milano, ha invitato una coppia di genitori a riportare la propria bimba di 3 anni a casa perché non vaccinata e senza la documentazione prevista. I genitori della piccola, convinti della loro posizione, hanno chiamato i carabinieri. I militari hanno solo potuto prendere atto della situazione. La coppia potrà sporgere denuncia.

Carabinieri anche a Udine

Caso simile anche in una scuola dell'infanzia di Latisana (Udine): una mamma ha portato la figlia all'asilo senza firmare l'autocertificazione sull'avvenuta vaccinazione e, quando la scuola l’ha richiamata agli obblighi di legge, lei ha chiamato i carabinieri.

A Roma alcuni bimbi rimandati a casa

La preside di un istituto della periferia di Roma,invece, ha spiegato che “su 263 alunni, in 97 non erano in regola. Buona parte ha provveduto. Altri, una decina, li abbiamo dovuti rimandare a casa”. Sulla situazione è intervenuta anche la sindaca Virginia Raggi. “La nuova normativa sulla prevenzione vaccinale è confusa, risulta poco chiara e viene infatti applicata in modo difforme da Regioni e Comuni in tutta Italia”, ha scritto in una lettera inviata alle ministre della Salute e dell’Istruzione, Beatrice Lorenzin e Valeria Fedeli.

Leggi tutto
Prossimo articolo