Venne aggredito, Piero Longo ora accusato violenza minore

Veneto
6e526ed0df82d54e641442f566ec929f

Vicenda sarebbe all'origine dell'agguato

(ANSA) - PADOVA, 05 NOV - Vi sarebbe una presunta violenza ad una minorenne, figlia dell'ex convivente, all'origine dell'aggressione all'avvocato ed ex parlamentare padovano Piero Longo, già difensore di Silvio Berlusconi. La vicenda - di cui l'ANSA ha trovato conferme oggi a Padova - è riportata dal 'Corriere della Sera'.
    A compiere l'agguato, il 30 settembre scorso nell'androne di casa dell'avvocato, erano stati Luca Zanon e Silvia Maran, 49 e 47 anni, che il legale aveva affrontato sparando alcuni colpi di pistola in aria, ma venendo strattonato e colpito con due pugni.
    Assieme a loro c'era una donna di 31 anni. Sarebbe lei, quando era ancora minorenne, la presunta vittima delle violenze dell'avvocato secondo l'indagine. I due aggressori avevano raccontato di averla accompagnata per fare da "mediatori" con Longo. (ANSA).
   

Venezia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.