Covid: studio Cisl Fvg, aumentano lavoratori a rischio

Friuli Venezia Giulia
75d41428cd29a43529a5749351f22747

Monticco, incentivare azioni di sistema per invertire la marcia

(ANSA) - TRIESTE, 05 OTT - Su circa 12mila lavoratori di ottanta aziende del Friuli Venezia Giulia, quelli coinvolti in situazioni di criticità sono passati da 7.698 prima del covid a 10.149 dopo lo scoppio della pandemia. Sono i dati presentati oggi di un monitoraggio della Cisl Fvg, per illustrare la situazione di crisi del sistema industriale e occupazionale in regione.
    "Adesso abbiamo più lavoratori a rischio in aziende che guardano con preoccupazione al futuro", spiega il segretario regionale della Cisl, Alberto Monticco.
    Come illustrato nel monitoraggio, la preoccupazione maggiore si riscontra nel settore metalmeccanico e dello spettacolo con un raddoppio dei lavoratori a rischio, rispettivamente da 3384 a 6234 e da 1080 a 1909, mentre si registra una "timida" ripartenza in quello del legno e dell'edilizia, dove la quota è passata da 659 a 72.
    In vista di possibili nuove criticità determinate del rialzo della curva epidemica, la Cisl Fvg propone alla Regione di individuare delle "misure da mettere in campo per aiutare a uscire dalla crisi e valorizzare il percorso fin qui fatto".
    "La scommessa della Regione di chiudere prima e di rendere più sicuri i posti di lavoro è stata vincente. Vogliamo provare a farne un'altra - afferma Monticco - utilizzando la presenza di grandi enti di ricerca e aziende in regione, dobbiamo incentivare azioni di sistema per attrarre ulteriori investimenti e invertire la marcia". (ANSA).
   

Trieste: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.