Cadavere in sacco:morta convivente ucraina,confessò omicidio

Friuli Venezia Giulia
262635a6c98e5908a6efe017da3b5a9d

Lui voleva trattenerla, lei voleva morire nel suo Paese

(ANSA) - TRIESTE, 18 LUG - Olena Leri, la donna di 65 anni, ucraina, accusata di aver ucciso nell'ottobre scorso a Trieste il convivente - Libero Foti, di 75 anni - e di averne chiuso il cadavere in un sacco lasciandolo sul balcone di casa, è morta nel suo Paese il 5 maggio scorso a causa di un male incurabile i cui sintomi si erano manifestati tempo fa. La notizia è pubblicata questa mattina dal quotidiano Il Piccolo, precisando che del decesso la Procura è stata informata soltanto nei giorni scorsi e che comunque verranno compiuti accertamenti.
    Dopo il ritrovamento del cadavere e le indagini della polizia, la donna fu rintracciata telefonicamente a Cerkasy, in Ucraina, e confessò agli investigatori e al titolare dell'indagine, il pm Federico Frezza, che, malata terminale, stava per partire rientrare nel suo Paese per trascorrere con la figlia gli ultimi giorni di vita quando il convivente, armato di coltello, aveva tentato di fermarla. A quel punto la donna lo aveva sopraffatto - anche perché l'uomo era ormai quasi cieco - lo aveva colpito con una bottiglia e soffocato con una calza di nyon. Infine, ne aveva chiuso il corpo in due grandi sacchi che aveva collocato sul balcone di casa. (ANSA).
   

Trieste: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.