Sicurezza: sindaci capoluoghi Fvg difendono decreto

Friuli Venezia Giulia
trieste

Dipiazza, rimette ordine. Fontanini, garantiremo applicazione

(ANSA) - TRIESTE, 3 GEN - I sindaci dei capoluoghi del Fvg difendono il Decreto sicurezza dopo la decisione di alcuni colleghi, come Leoluca Orlando a Palermo, di sospendere l'applicazione. La norma, sostiene da Trieste Roberto Dipiazza, "non solo rimette ordine, ma restituisce dignità e rispetto delle regole". "Il Comune di Udine - dice Pietro Fontanini - garantirà piena applicazione al Decreto": "rappresenta una risposta finalmente chiara e coraggiosa al bisogno di sicurezza". Secondo il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, il provvedimento è "senza dubbio perfettibile, si pone lo scopo - tra l'altro - di aumentare la percezione della sicurezza nei cittadini e di arginare l'immigrazione clandestina. Ecco la ragione per cui a Gorizia senza dubbio il decreto verrà applicato". Con il decreto - è il parere di Alessandro Ciriani, sindaco di Pordenone - si dà "una risposta concreta alle esigenze di sindaci e amministratori locali di tutta Italia, per poter finalmente incidere in maniera decisiva sulla sicurezza dei territori".
   

Trieste: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24