Black Friday: Botteghe del Mondo,giornata nera sostenibilità

Trentino Alto Adige
bf293ad95b21aff2b5fdc0f5ba9d0559

'Una maglietta non può costare meno di un cappuccino'

(ANSA) - BOLZANO, 26 NOV - Per le Botteghe del Mondo altoatesine, il Black Friday è "una giornata nera per il consumo sostenibile". "Il Black Friday è sinonimo di abbondanza e di caccia all'affare a spese degli altri. Non può essere che una maglietta sia più economica di un cappuccino in un bar di qualità. Il prezzo del consumo economico è pagato da altri: Le sarte nelle fabbriche tessili in Bangladesh e in Cina, per esempio, o i coltivatori di cotone in India, che spesso non guadagnano abbastanza per mantenere le loro famiglie", afferma Rudi Dalvai, presidente della Bottega del Mondo di Bolzano. Per questo motivo le loro vetrine oggi sono in nero con "È il nostro modo, è il venerdì equo" o "Qualcuno paga il prezzo del tuo sconto".
    Lea Maria Rainer della val D'Ultimo sta svolgendo il servizio civile nelle Botteghe del Mondo dell'Alto Adige da inizio di ottobre. È sensibile alle connessioni globali: "Invece di comprare cose superflue solo perché sono economiche, noi consumatori dovremmo usare il nostro potere d'acquisto come strumento politico". Invita le persone a comprare solo quando hanno davvero bisogno di qualcosa e non perché è un affare. Rudi Dalvai sottolinea l'importanza dell'acquisto consapevole ed equo e dà l'esempio dell'abbigliamento con cotone Fairtrade. Dalvai invita la gente a "guardare l'etichetta". Consiglia alle persone di avvicinarsi ai negozianti quando vanno a fare la spesa e chiedere loro di ampliare l'assortimento con prodotti del commercio equo e solidale. (ANSA).
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24