Torna Transart dal 9 al 24 settembre in Alto Adige

Trentino Alto Adige
ef1fc88b7d974db6f0da1c18e3fcf0c3

Tra gli appuntamenti il primo western collettivo altoatesino

(ANSA) - BOLZANO, 01 SET - Dal 9 al 24 settembre torna in Alto Adige il festival Transart, come sempre organizzato nei luoghi più suggestivi e meno convenzionali: dalle centrali idroelettriche ai magazzini industriali, dalle cittadine e prati all'ombra delle montagne, ai monasteri e ai luoghi ipertecnologici della nuova produttività contemporanea. Concerti punk-rock, musica nelle serre e nelle fabbriche, happening lunghi un giorno, un convegno di futurologia, performance nelle cucine, nelle piazze (con tanto di cabine telefoniche) e un omaggio ai vent'anni dalla morte di Iannis Xenakis.
    Tra gli appuntamenti il primo western collettivo dell'Alto Adige: al posto di un sovraffollato set, l'ensemble Zeitkratzer - che ha collaborato, tra gli altri, con Lou Reed - costruisce un luogo basato sulla collaborazione fra discipline e sulla cooperazione con gli artisti e le comunità locali. La base musicale di partenza sono i canti rituali indiani e le storiche registrazioni delle canzoni dei cowboy: immediate, rumorose e capaci di affrontare argomenti tabù come l'alcool, le droghe, la morte violenta. Al termine delle riprese il materiale raccolto verrà montato e utilizzato per un concerto finale con proiezione video: fra porte che sbattono, colpi di pistola, campane funebri e gocce di pioggia sulle falde dei cappelli. Fra gli ospiti di questa edizione: la cantante Peaches, l'artista Isabel Lewis, Laurie Anderson, zeitkratzer ensemble, Murcof & Sergi Palau, Sabrina Rattè e Aquarian and Sougwen Chen, Azione_Improvvisa, Manu Delago e tanti altri (ANSA).
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24