Ambiente: Noe sequestra pozzi della Suanfarma di Rovereto

Trentino Alto Adige
46c02213934f259288a8af58219f2359

Inchiesta sull'inquinamento del Rio Coste e dell'Adige

(ANSA) - TRENTO, 03 FEB - Nell'ambito dell'inchiesta sull'inquinamento del Rio Coste e dell'Adige a Rovereto i carabinieri del Noe di Trento hanno sequestrano i pozzi e i campionatori della Suanfarma spa.
    Le modalità con cui vengono gestite le acque di scarico dell'impianto farmaceutico di Rovereto di proprietà della multinazionale Suanfarma spa sono finite al vaglio della procura di Rovereto, che ha coordinato l'operato dei carabinieri del Noe di Trento nonché dell'Appa. Come informa il Noe in una nota, "evidenti anomalie in qualche modo riconducibili all'impianto farmaceutico sono state già registrate nel tempo". Solo le recenti indagini, effettuate dal Noe e dall'Appa, anche avvalendosi dell'ausilio di raffinati sistemi di rilevamento termico installati su elicotteri della Guardia Costiera di Sarzana, hanno reso possibile accertare la persistenza degli inquinanti nel fiume Adige e "l'abusivo utilizzo di acque di falda che venivano utilizzate dall'azienda, specie in occasione dei controlli, allo scopo di diluire la concentrazione dei contaminati rilasciati nel Rio Coste e eludendo in tal modo le verifiche analitiche". I responsabili di Suanfarma dovranno ora rispondere non solo del reato d'inquinamento ambientale, ma anche del reato di impedimento al controllo, conclude la nota.
    (ANSA).
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24