Coronavirus: Muser, Pasqua inedita che ci può insegnare

Trentino Alto Adige
@ANSA
ba94e2060765fa470d50c51fb4681564

"Dopo Covid essere meno superficiali e più consapevoli"

(ANSA) - BOLZANO, 12 APR - Nell'emergenza coronavirus, "la Pasqua non minimizza la paura della morte, ma ci offre una speranza che da soli non possiamo assicurarci: ci dice Dio è più forte della morte": è un passaggo dell'omelia del vescovo Ivo Muser che ha celebrato la Pasqua a porte chiuse nel duomo di Bolzano. Quest'anno festeggiamo una Pasqua inedita che ci può insegnare, secondo Muser, "a trovare nuovi modi di pensare il nostro futuro, ad essere più consapevoli di ciò che conta davvero nella vita." Da qui l'augurio del vescovo per le prossime settimane e anche dopo: "Di poter tornare gradualmente - con tutte le doverose precauzioni - alle nostre attività quotidiane", e di uscire da questa drammatica esperienza con l'insegnamento ad "essere meno superficiali, più consapevoli di ciò che davvero conta nella vita" e a restare anche in futuro "attenti alle sorelle e ai fratelli più fragili." Al termine dell'omelia il vescovo ha invitato tutti a cantare l'alleluja nelle proprie case. (ANSA).
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.