Oro e valuta estera in auto, la Mobile ferma due persone

Trentino Alto Adige
91eb0d87f85e36708b7d50975d7c80d4

Intervento dopo segnalazione da parte della Polizia francese

(ANSA) - TRENTO, 10 GEN - La Squadra Mobile di Trento, d'intesa con la Procura della Repubblica, ha sottoposto a fermo due cittadini georgiani di 28 e 26 anni per ricettazione. I due sono stati trovati in possesso di denaro, anche in valuta svizzera e statunitense, e orologi di pregio. La Polizia francese aveva segnalato a quella italiana la presenza a Trento di uno dei due cittadini georgiani, uno dei quali è sospettato di aver commesso diversi furti in abitazione in Francia. La Mobile di Trento ha quindi individuato l'auto dell'uomo, un'utilitaria di fabbricazione tedesca con targa francese. Il veicolo è stata intercettato in un parcheggio di un supermercato lungo via Brennero. Gli agenti hanno atteso che il proprietario ritornasse a prendere la macchina e, quando questi si è avvicinato in compagnia di un connazionale, lo hanno bloccato e perquisito. Celati all’interno delle bocchette dell’aria della macchina, avvolti in un guanto nero, sono stati trovati, e sequestrati, 6 orologi marca Brietling ed un Rolex nonché monili in oro ed argento e valuta in franchi svizzeri, dollari americani ed euro. Inoltre, sono state anche trovate diverse schede telefoniche di operatori francesi e tedeschi. Dalle indagini è scaturito che i due cittadini georgiani hanno soggiornato a Trento per circa tre giorni, pertanto, d’accordo con la Procura della Repubblica di Trento, saranno svolti ulteriori accertamenti per verificare se il materiale sequestrato sia stato rubato all’interno di qualche abitazione trentina. "I fermi dei cittadini georgiani operati dalla Squadra Mobile sono un’ulteriore conferma di come la sinergia investigativa ispirata dal Questore di Trento e dal Procuratore, abbia dato ancora una volta ottimi risultati, con una tempestività ed efficacia tale da impedire che permanessero sul territorio di Trento persone dedite alla commissione di furti", commenta il capo della Mobile di Trento, vicequestore Tommaso Niglio.


   

Trento: I più letti