Replicati i prioni, proteine del 'morbo della mucca pazza'

Trentino Alto Adige
@ANSA
1fdb230a7d70180054f62bd8a65e612a

Studio dell'Università di Trento con Canada e Spagna

(ANSA) - TRENTO, 12 LUG - Per la prima volta al mondo è stato realizzato un modello computazionale realistico che spiega il meccanismo di replicazione del prione, una proteina tossica che a metà degli anni Novanta è diventata famosa in tutto il mondo in quanto responsabile del "morbo della mucca pazza". A descrivere il modello sulle pagine di Plos Pathogens è stato il gruppo di ricerca dell'Istituto Telethon Dulbecco dell'Università di Trento con il dipartimento di Fisica dello stesso ateneo. Lo studio, in collaborazione con altri due centri accademici in Spagna e Canada, permetterà di andare alla ricerca mirata di farmaci in grado di contrastare gravi malattie neurodegenerative ad oggi incurabili. "Per la prima volta siamo riusciti a ricostruire il modo con cui i prioni riescono a replicarsi e contiamo di sfruttarlo per costruire razionalmente molecole in grado di bloccarne la replicazione e arrestarne il processo neurodegenerativo", spiega lo studente del Cibio Giovanni Spagnolli.
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.