Sanità: cambio divisa, la Cassazione dà ragione alla Uil

Trentino Alto Adige
5d86dfef007f962a394159dc65607e81

Il tempo impiegato per cambiarsi va pagato, dice la Corte

(ANSA) - TRENTO, 28 GIU - La Cassazione si è pronunciata in via definitiva sulla questione del pagamento del "cambio divisa", dando piena ragione alla Uil Fpl Sanità del Trentino.
    Un battaglia iniziata nel 2011 dal momento che il sindacato ha sempre ritenuto doveroso il riconoscimento economico del tempo dedicato alla vestizione in concomitanza del turno di lavoro.
    È infatti obbligo del personale indossare la divisa sul luogo di lavoro, utilizzando quella fornita dall'Apss, per norma contrattuale e per imprescindibili esigenze aziendali di igiene.
    Le indicazioni aziendali, in particolare, impongono il cambio sul luogo di lavoro ove sono disponibili divise pulite e dove devono essere lasciate alla fine del turno quelle usate. Per il sindacato il tempo impiegato per questa attività va remunerato, mentre l'Apss lo ha sempre negato. Un concetto ribadito dalla Suprema Corte, che ha confermato pienamente la precedente sentenza della Corte di appello e ha condannato l'Azienda sanitaria alla rifusione delle spese di lite.
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24