4 Ristoranti 2019, quarta puntata: Borghese nei migliori ristoranti del Monferrato

Inserire immagine
Da sinistra: Nicolò Guaschino, Laura Mariuzzo, Alessandro Borghese, Lorenzo Rosso e di Sanzio Evangelisti © Sky

Non perdere Alessandro Borghese 4 Ristoranti S.5, in Prima Tv Assoluta tutti i martedì alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 311 o 11. Continua a leggere e scopri cos'è successo nella quarta puntata che ha visto come vincitore Lorenzo Rosso con la sua Cascina Faletta 1881 nel Monferrato

Vai allo Speciale di 4 Ristoranti

Siamo nel Monferrato, terra antica fatta di storia, di vino e soprattutto di buona tavola. Tutto profuma di bagna cauda, agnolotti del plin, vitello tonnato e battuta di Fassona. Ma come si fa ad assaggiare tutte queste prelibatezze locali in un'unica cena? Grazie al menù degustazione! 4 Ristoranti si sfidano per il titolo di miglior ristorante con menù degustazione nel Monferrato.

Laura è una cuoca autodidatta - cucina da quando ha quattro anni - ed è la proprietaria de Il Ristoro. Secondo Laura in un menù degustazione del Monferrato non può assolutamente mancare il vitello tonnato, i formaggi tipici del territorio monferrino e la fassona. "Vincerò perché quando accompagno i clienti alla porta mi confessano quanto sono stati bene". 

Lorenzo è il titolare somelier di Cascina Faletta, orgoglioso del suo territorio e per nulla invidioso delle cugine Langhe. Nel suo ristorante propone quattro menù degustazione, dal più tradizionale al più creativo, che cambiano quattro volte l'anno a seconda della stagione. "Vincerò perché l'umiltà, la costanza e il duro lavoro, alla finepremieranno".

Nicolò, 27 anni, è sia chef sia proprietario del GuBistrò. "Il menù degustazione deve avere i cavalli di battaglia del proprio ristorante con una scala di gusti che ondeggiano dal più delicato al più intenso". 

Sanzio è un mastro distillatore e titolare di Materia Prima. "Il menù degustazione dev'essere legato alla tradizione. Vincerò perché propongo un mix di sapori e profumi che trasformano il nostro menù in qualcosa di unico".

Materia Prima è un'antica distilleria di famiglia con anche il ristorante. Si trova ad Altavilla Monferrato. Nonostante la location suggestiva, il locale non è stato apprezzato da tutti, soprattutto per la mise en place. A ogni portata è abbinata la degustazione di una grappa. Come dolce viene proposto il bonèt, un budino di antichissima tradizione piemontese, a base di uova, zucchero, latte, cacao, amaretti secchi e liquore, in questo caso la grappa 7.0 di Sanzio. Secondo i ristoratori il menù degustazione non ha brillato, anche a causa dell'utilizzo delle grappe, contrariamente all'opinione di Borghese che ha trovato l'accostamento delle grappe al menù interessante e orginiale.

La gara prosegue tra le colline dove le vigne fanno posto alla Cascina Faletta di Lorenzo. Una cucina a vista con una vetrata immensa per far sì che il lavoro svolto dagli chef sia trasparente e veritiero. La location con vista sui vigneti e la sala curata han messo tutti i partecipanti d'accordo. "Lorenzo è giovane e ha voglia di osare in una terra così legata alle tradizioni come il Monferrato. Ho apprezzato la vastità del menù degustazione anche se tutto il tavolo deve scegliere lo stesso" dice Borghese. Una serata movimentata tra parole infelici e un menù che non ha convinto sia nel metodo che nella preparazione.

La ricerca del miglior menù degustazione continua ed è la volta di Laura con Il Ristoro. Siamo a Lu Monferrato in cima a una collina con una vista meravigliosa. All'occhio sembra una casa e non un ristorante. La location di Laura non ha entusiasmato i ristorantori, ma la vista spettacoalare sulle colline monferrine è chiaramente invidiata. Borghese sostiene: "Laura è una cuoca attenta sia a tavola che dietro ai fornelli. Nei sui piatti si sente fortemente il territorio. Tutto fatto in casa compreso il dolce". I piatti di Laura sono stati giudicati troppo abbondanti per un menù degustazione, anche se la pasta fatta in casa ha lasciato il segno. Giusto il conto.

Per l'ultima ispezione Borghese e i ristoratori tornano a Casale Monferrato, nel centro storico dove sorge il GuBistrò di Nicolò. I concorrenti hanno faticato a ritrovare la personalità di Nicolò nel suo ristorante. "La cucina di Nicolò punta su abbinamenti azzardati e percorsi degustazione più gourmet. Bisogna fare attenzione alla coerenza di sapori: i piatti sono tanti ed è meglio non confondere il palato" afferma Borghese al termine della cena. Il menù a scelta dello chef non ha convinto del tutto e alcuni piatti sono stati giudicati troppo arditi.

E' giunto il momento di conoscere la classifica e scoprire chi ha proposto il miglior dessert, oggetto di bonus. La classifica provvisoria data dalla somma dei voti dei quattro ristoratori vede in testa Lorenzo 68 punti, seguito da Laura e Nicolò con 66 punti e infine Sanzio con 63 punti. Secondo Borghese il miglior dessert che rappresenta la migliore chiusura di menù, risultato impeccabile di un grande lavoro è il finto cocco di cioccolato con ripieno al passion fruit e coriandolo di Nicolò, coerente con la sua idea di cucina. Con il bonus di Alessandro - cinque punti - Nicolò totalizza 71 punti e sfreccia in cima alla classifica. 

Il voto di Alessandro può ribaltare o confermare il risultato e in questo caso l'ha ribaltato: Cascina Faletta di Lorenzo è il miglio ristorante con menù degustazione nel Monferrato. Offre più di una scelta di percorso da quella più tradizionale alla più innovativa. Vince 5000 euro per la sua attività. Cosa ne farà? Porterà tutto il suo staff a mangiare nel miglior ristorante tre stelle Michelin d'Italia.

Le classifiche di alessandro Borghese

Cascina Faletta 1881 di Lorenzo Rosso

Location: 8

Menù: 8

Servizio: 7

Conto: 8 

Totale: 31 

Il Gubistrò di Nicolò Guaschino

Location: 6

Menù: 8

Servizio: 7

Conto: 6 

Totale: 27

Il Ristoro di Laura Mariuzzo

Location: 8

Menù: 7

Servizio: 7

Conto: 7 

Totale: 29

Materia Prima di Sanzio Evangelisti

Location: 8

Menù: 6

Servizio: 7

Conto: 8 

Totale: 29