Gli Artisti del Panettone: Luigi Biasetto

Inserire immagine
Luigi Biasetto

Secondo il Maestro Iginio Massari, a Padova c'è il più bel laboratorio d'Italia, preciso e organizzato all'inverosimile: la Pasticceria Biasetto, il luogo dove prendono vita le meravigliose creazioni del genio di Luigi Biasetto. Non perdere gli "Artisti del Panettone", tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, alle 19.10 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 311 o 11, continua a leggere e scopri i segreti del panettone di Luigi Biasetto

Artisti del Panettone: Salvatore De Riso

Com’è il panettone di un Campione del Mondo di pasticceria come Luigi Biasetto? Meraviglioso e perfetto, ovviamente con al centro un lievito madre centenario e la migliore farina. E poi ci sono i sentori della migliore vaniglia Bourbon, i canditi artigianali, le mandorle di Puglia, il miele esclusivamente biologico, il burro di centrifuga ottenuto da latte fresco... E tanta tecnica unita ad altrettanta pazienza.

Non bisogna avere fretta per fare un grande panettone, per questo occorrono più di due giorni per realizzarne uno. Impossibile non prendere in considerazione una delle materie prime più apprezzata da tutti: il cioccolato. Il suo must have è il Panettone al cioccolato con glassa di amaretto dolce alla mandorla. E se vi avanza del panettone potete sempre fare un Tortino caldo al cioccolato e zenzero. Scopri come eseguirlo nella sesta puntata di "Artisti del Panettone" alle 19.10 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 311 o 11.

LEGGI L'INTERVISTA e scopri cosa ci ha raccontato Luigi Biasetto

Come nasce la passione per la pasticceria?

Non saprei dirlo. E’ come chiedere a un prete perché ha preso i voti. La pasticceria è una chiamata, deve diventare quasi una fede tanto è l’impegno che ti richiede.

Che storia racconta la ricetta del suo panettone?

I miei ricordi. Da bambino mangiavo il panettone abbinandolo a qualche cubetto di cioccolato. Mi piaceva il contrasto tra la sofficità della pasta e la croccantezza del cioccolato. Da grande li ho fatti incontrare ed è nato il mio Panettone al cioccolato.

Cosa serve per diventare un maestro pasticcere?

Tantissima tenacia, la capacità di non smettere mai di provare, modificare, migliorare e l’umiltà di non sentirsi arrivato.

Una qualità indispensabile e un difetto imperdonabile in cucina?

Igiene e pulizia sul fronte tecnico abbinati ad altruismo e generosità. Il difetto è lo spreco. Non tollero vedere buttare via gli ingredienti o il cibo. Se vedo un mio collaboratore gettare qualcosa inutilmente mi arrabbio moltissimo. E sono in grado di arrabbiarmi davvero tanto…

Cosa deve ancora imparare un maestro del panettone sul panettone?  

Il panettone è l'insicurezza assoluta. Il risultato di un panettone è una difficile equazione tra tre sostanze: proteine, grassi e zuccheri. Personalmente lavoro continuamente per ottenere un prodotto digeribile, in grado di conservarsi a lungo, senza aggiungere nulla che non sia naturale. Mi impegno ogni giorno per trovare il risultato perfetto.