La verità sul caso Harry Quebert: recensione episodio 6 della serie con Patrick Dempsey

Man mano che le indagini di Marcus proseguono, viene gettata nuova luce sul personaggio di Nola: ecco la recensione del sesto episodio de La verità sul caso Harry Quebert , in onda ogni mercoledì alle 21.15 su Sky Atlantic e disponibile con tutti gli episodi su Sky Box Sets e NOW TV.

La verità sul caso Harry Quebert, scopri lo speciale sulla serie

Harry Quebert episodio 6: non è un angelo

A 15 anni, ormai, non sei più un angelo, come suggerisce il titolo del sesto episodio de La verità sul caso Harry Quebert. Il che non significa nemmeno che tu sia un diavolo, ma comunque l’età dell’innocenza te la sei lasciata alle spalle già da un pezzo. È una verità difficile da digerire per gli adulti, che spesso si dimenticano come è stato essere adolescenti. Ed è difficile da gestire anche per lo stesso Harry, un Patrick Dempsey sempre più in parte, che deve fare i conti con alcune verità sulla sua amata Nola (Kristine Froseth) scoperte dal solerte Marcus (Ben Schnetzer).


Del resto, per conoscere la verità su una persona devi essere disposto a scoprire lati di lei che non avresti voluto vedere. Nello specifico, quello che scopriamo è che la giovane Nola, tutt’altro che sprovveduta e già abituata al calcolo e a manipolare le persone da una vita più dura del dovuto, ha convinto il capitano Gareth Pratt a chiudere un occhio su quanto portato alla luce da Tamara Quinn a proposito della sua relazione con Harry in cambio di favori sessuali. Di fatto mettendolo in una posizione estremamente delicata, tanto che l’uomo, seppure a distanza di anni, si ritrova a fare i conti con quanto accaduto.


Ma non sono solo Nola e Pratt: in pochi escono bene, perché nel corso dell’episodio sei emerge anche il lato violento di Travis e di Luther Caleb, non poi così mite come vorrebbe il suo datore di lavoro Elijah Stern. E la reazione di Harry alle rivelazioni di Marcus dimostra come lo scrittore non sia davvero pronto a gestire la verità su quanto accaduto. Nel frattempo, arrivano buone notizie sul fronte giudiziario per quanto riguarda il manoscritto trovato con il cadavere di Nola, ma Marcus deve affrontare una potenziale bomba: il leak delle pagine del libro che sta scrivendo sul caso Quebert inviate al suo editore (interpretato da una vecchia conoscenza del regista Jean-Jacques Annaud: Ron Perlman, da lui diretto ne La guerra del fuoco).


La verità sul caso Harry Quebert: la situazione si fa… esplosiva

L’episodio 5 de La verità sul caso Harry Quebert sembrava rappresentare un punto di svolta per la narrazione, passato il quale l’investigazione di Marcus si sarebbe fatta esplosiva, fino al deflagrare della situazione. Così in effetti è stato: questa sesta puntata trascina la serie tv nel vivo con una serie di rivelazioni e situazioni scottanti. Di qui in poi, ormai è certo, nulla sarà più come prima.