Il Trono di Spade: una settimana da Robb Stark

Inserire immagine

Mentre su Sky Atlantic ogni giovedì sera alle 21.15 sono in onda le repliche di tutte le stagioni de Il Trono di Spade andate in onda finora, e mentre cresce l’attesa per l'ottava, in arrivo nel 2019, ecco un nuovo appuntamento con la rubrica “Una settimana da…”. Dopo “Una settimana da Renly Baratheon ” è il turno del nobile e coraggioso Robb Stark (interpretato da Richard Madden), conosciuto anche come Re del Nord N.1. Bello, bello, bello in modo assurdo, ma anche sfortunato, il figlio maggiore di Ned è proprio uno Stark, infatti non ha aspettato molto per farsi trucidare! Cosa fareste se vi risvegliaste improvvisamente nei panni del Giovane Lupo? Continua a leggere e scopri di più

Il Trono di Spade, scopri lo speciale sulla serie

In attesa dell’ottava e ultima stagione, in onda nel 2019, dunque tra tanto, TROPPO tempo, continuano le repliche de Il Trono di Spade ogni giovedì alle 21.15 su Sky Atlantic, e continuano gli appuntamenti con la rubrica “Una settimana da…”. Dopo “Una settimana da Renly Baratheon” è il turno del nobile e coraggioso Robb Stark (interpretato da Richard Madden), conosciuto anche come Re del Nord N.1. Bello, bello, bello in modo assurdo, ma anche sfortunato, il figlio maggiore di Ned è proprio uno Stark, infatti non ha aspettato molto per farsi trucidare! Cosa fareste se vi risvegliaste improvvisamente nei panni del Giovane Lupo?

Robb Stark, il Giovane Lupo in cerca di giustizia

Tutti gli uomini dovrebbero tenere fede alla parola data, soprattutto un Re.

Leale, onorevole, coraggioso, e giusto: Robb Stark, primo erede della casata del lupo, è veramente figlio di suo padre Ned, nel bene – le sue numerose qualità – e nel male – quando sei l’unico a giocare secondo le regole in un mondo che ormai delle regole se ne frega, la fine che puoi fare è una e una soltanto.

Conosciamo il bel Robb nel primissimo episodio della serie, e nonostante si sia sbarbato per essere in ordine per l’arrivo di Re Robert, non possiamo comunque non notare il suo fascino. Tornando seri, fin dall’inizio il figlio maggiore di Lord Eddard ci viene presentato come il degno erede di Grande Inverno. Come i suoi fratelli, anche Robb riceve in dono un metalupo, Vento Grigio, che sarà fedelmente al suo fianco fino alla fine.

Dopo la partenza del padre, diretto ad Approdo del Re per ricoprire il ruolo di Primo Cavaliere, il giovane lupo diventa a tutti gli effetti il Lord di Grande Inverno. Insieme a lui ci sono la madre Catelyn, da cui ha ereditato il colore dei capelli, un bel castano ramato, i fratelli minori Bran (finito in coma per colpa fi Jaime Lannister) e Rickon. Le sorelle Sansa e Arya sono infatti partite insieme al padre, mentre Jon Snow, suo fratellastro, è partito per Castello Nero, per diventare Guardiano della Notte. Accanto a lui c’è anche Theon Greyjoy, erede del Re delle Isole di Ferro, cresciuto a Grande Inverno sotto la protezione di Ned Stark, di fatto in mano al Protettore del Nord onde evitare colpi di testa dell’umorale Balon Greyjoy.

Ad ogni modo, quando Robb riceve la notizia dell’imprigionamento del padre, decide immediatamente di dichiarare guerra alla Corona: da quel momento il Nord sarà indipendente e lui sarà il Re del Nord, il primo dopo Thorren Stark, il suo antenato che si inchinò ai Targaryen molto tempo addietro. Robb, con i lord delle terre del nord fedeli alla casata del lupo, decide di andare ad Approdo del Re, ma non per giurare fedeltà al nuovo Re, Joffrey, bensì per vendicare suo padre e fare giustizia.

Robb si mette dunque in marcia verso sud, e nelle Terre dei Fiumi si ricongiunge alla madre Catelyn. E’ grazie a lei che riesce a portare a casa un’alleanza con il viscido Lord Walder Frey, Signore delle Torri Gemelle, passaggio praticamente obbligato per andare verso la Capitale. Durante il viaggio, Robb e i suoi uomini si scontrano più volte con l’esercito dei Lannister, guidato da Lord Tywin. Gli uomini del Nord hanno comunque la meglio, e addirittura Jaime Lannister viene fatto prigioniero.

Robb tenta di conquistare nuovi alleati mandando Theon Greyjoy a casa sua, nelle Isole di Ferro, e sua madre da Renly Baratheon nelle Terre della Tempesta (non dimentichiamo che Renly è sposato con Margaery, della famiglia Tyrell, la famiglia più ricca dei Sette regni). Il Giovane Lupo sul campo di battaglia è una vera forza, e comincia a fare seriamente paura a Tywin Lannister, che deve trovare il modo di toglierlo di mezzo prima che sia troppo tardi.

Sul campo di battaglia il bel Robb conosce Talisa Maegyr. La donna si occupa di assistere i feriti, a prescindere dal loro schieramento. Il Giovane Lupo rimane colpito dal carattere di Talisa, e se ne innamora. Il suo sentimento è ricambiato, cosa che preoccupa molto Catelyn: l’accordo con Frey è che lui aiuterà Robb solo se Robb sposerà una delle sue figlie. Nonostante ciò, Robb sposa Talisa, che nel frattempo è rimasta incinta.

La notizia della morte di Renly e della decisione dei suoi soldati di allearsi con Stannis crea dei seri problemi: l’armata del Nord non può sperare di prendere la Capitale da sola. Theon, infatti, ha deciso voltare le spalle all’amico di sempre e andare a saccheggiare Grande Inverno e dintorni per provare al padre Balon di essere il suo degno erede, e i Tyrell, desiderosi di far diventare Margaery regina, hanno deciso di chiedere perdono alla Corona e di allearsi con i Lannister.

A questo punto bisogna concretizzare il prima possibile l’alleanza con i Frey. Al posto di Robb, già sposato con Talisa, a prendere in moglie una delle figlie di Lord Walder è Edmure Tully, fratello minore di Catelyn e Lord di Delta delle Acque. Durante il banchetto di nozze, però, si consuma una vera e propria tragedia: Lord Roose Bolton, da sempre fedele agli Stark, accoltella Robb, dicendogli che “I Lannister mandano i loro saluti”. Tradimento. Le Nozze Rosse, però, non vedono solo la morte del Giovane Lupo: anche Talisa e Catelyn cadono per mano dei Bolton e dei Frey, alleatisi in segreto con Tywin. RIP Robb Stark, figlio di suo padre, prova concreta del fatto che giocare pulito in un mondo pieno di gente che gioca sporco purtroppo non paga. MAI.

PS: in realtà vediamo Robb un’ultima volta dopo la sua morte. O meglio, vediamo il suo cadavere issato su un destriero, una delicatissima mossa targata Bolton & Frey per deridere ulteriormente il caduto. Sì, perché il povero Robb non solo è morto stecchito: gli è anche stata messa la testa di Vento Grigio al posto della sua. Lo sberleffo finale al Giovane Lupo.

 

Quali sarebbero dunque i pro e i contro di una settimana da Robb Stark?

 

Pro:

Beh…sareste belli belli belli in modo assurdo! Davvero, il bel Robb è veramente un bel ragazzo, avreste file di spasimanti ovunque andreste!

Sareste l’erede di una casata storica e onorevole. Roba di cui andare fieri.

Sareste un grande condottiero e un grande combattente, i vostri nemici avrebbero timore di voi, mentre i vostri uomini si sentirebbero ispirati dal vostro coraggio. Un vero leader! E, ça va sans dire, sareste anche un ottimo padre, noi lo sappiamo!

 

Contro:

Dovreste guardarvi costantemente le spalle. Il che significherebbe indossare sempre l’armatura, o quantomeno la cotta di maglia (vero, Lord Roose Bolton?), oppure farsi accompagnare ovunque dalla scorta. Che angoscia!!

Testa di metalupo morto al posto della vostra? No, grazie!

Vostra madre vi rinfaccerebbe fino alla tomba di aver sposato vostra moglie senza prima chiederle il permesso. E che diamine!

 

Fate attenzione a:

Che domande, ai MATRIMONI! Non accettate inviti, non presentatevi, mandate solo una bella missiva di auguri! Non vi diciamo di stare attenti a Ditocorto perché non fareste in tempo a incontrarlo, però fate attenzione a Melisandre (un po’ di sfiga secondo noi la porta) e, soprattutto, fate attenzione ai Lannister. Altro che leoni: quella è una famiglia di serpi!