Gomorra 3, scopri i personaggi

Inserire immagine

La terza stagione di Gomorra ha inaugurato non solo un nuovo capitolo, ma addirittura una nuova era della serie cult targata Sky. A fianco di Ciro, Genny, Scianel e Patrizia sono entrati in gioco nuovi personaggi. Due di questi, Enzo (Arturo Muselli) e Valerio (Loris De Luna) , li abbiamo conosciuti prima della messa in onda grazie a una serie di video e articoli dedicati a loro, mentre altri - che in inglese rientrerebbero nella categoria "supporting characters", che in italiano diventa "personaggi secondari" - li abbiamo conosciuti in corso d'opera, di episodio in episodio. Eccoli tutti in questo elenco



 

 

 

 

Malammore

Malammore, interpretato da Fabio De Caro, è un personaggio presente nella prima e nella seconda stagione, ma compare anche nel primo episodio della terza. Malamò è il fedelissimo di Don Pietro, è il suo braccio destro, l'unico di cui il boss possa fidarsi al cento per cento. I due si conoscono fin da bambini, e crescono insieme, come fossero fratelli. E' Malammore a tenere d'occhio la situazione a Scampia e Secondigliano quando Pietro Savastano viene incarcerato, ed è sempre lui a mettersi in prima linea e a liberare il suo capo durante la spettacolare sequenza di assalto al furgone della polizia penitenziaria nel finale della S01. Mentre Don Pietro è latitante in Germania, il personaggio di Fabio De Caro cerca di tenere uniti gli uomini rimasti fedeli ai Savastano con le buone e con le cattive. Fedele sempre e in ogni caso, gli viene ordinato di uccidere la piccola Mariarita, la figlia di Ciro, compito che porta a termine sapendo di essersi guadagnato un biglietto di sola andata per l'inferno. Muore per mano dell'Immortale (d'accordo con Gennaro) nel primo episodio della S03.

 

Marinella

Marinella, interpretata da Denise Capezza, è la moglie di Lelluccio, il figlio di Scianel. Forse un tempo Marinella era innamorata di suo marito, chi lo sa. Di certo c'è che, nella seconda stagione, la vediamo praticamente prigioniera dell'ingombrante suocera. Con Lelluccio in carcere, infatti, lo scandalo potrebbe essere dietro l'angolo, vista la sua avvenenza, così Donna Annalisa costringe la ragazza a vivere nell'appartamento di fronte al suo e ad andare praticamente sempre in giro con lei. I sospetti della iena di Secondigliano in realtà sono fondati, perché Marinella ha una relazione con Mario Cantapane, il suo autista. L'uomo viene eliminato brutalmente. Quando Lelluccio esce dal carcere, per Marinella è un incubo dentro l'incubo. Circuita da Patrizia, a cui la lega una profonda amicizia, il personaggio di Denise Capezza si lascia convincere a organizzare un agguato ai danni del marito, ma l'agguato non va a buon fine. A quel punto, a Marinella non resta altro che costituirsi e chiedere aiuto alle forze dell'ordine. La ritroviamo nella S03 a Latina, dove vive sotto un'altra identità. E' di nuovo Patrizia ad avvicinarla, questa volta per conto di Scianel. La proposta è allettante: 60 mila euro per ritrattare tutto e permettere a Donna Annalisa di uscire dal carcere. Marinella accetta, ma fa promettere all'amica di far mangiare la polvere alla iena.

 

 

 

Azzurra e Giuseppe Avitabile

Don Giuseppe Avitabile, interpretato da Gianfranco Gallo, è un boss napoletano trapiantato a Roma, nonché il padre di Azzurra, la moglie di Gennaro. Conosciamo Giuseppe Avitabile nella seconda stagione, quando Genny si reca a Roma per concludere alcuni affari per conto del padre prima di partire per la Germania. Il personaggio di Gianfranco Gallo si è allontanato in gioventù da Napoli e ha deciso di portare i suoi affari nella Capitale e dintorni, mantenendo comunque buoni, anzi, ottimi rapporti con i colleghi napoletani. Nella S02, Avitabile finisce in carcere per mano di Genny, ma esce dopo un anno, nel secondo episodio della S03, e da quel momento ha un unico obiettivo: vendicarsi. Nel quarto episodio, insieme ai Confederati, riesce a incastrare il genero e a rispedirlo sanguinante con un biglietto di sola andara a Scampia. Da quel momento Azzurra e Pietro, il nipotino, vivono a casa sua, sotto costante osservazione. Muore nell'undicesimo episodio della S03, quando la sua auto viene fatta saltare in aria da Ciro su ordine di Gennaro.

 

Azzurra, interpretata da Ivana Lotito, è la figlia di Don Giuseppe. E' una vecchia fiamma di Gennaro, e quando i due si rivedono, la passione esplode. Il loro, però, è vero amore, e l'imminente nascita di Pietro, il loro erede, li porta a convolare a nozze. Azzurra è in parte responsabile dell'incarcerazione del padre, quantomeno per omissione, ma non mette mai in discussione il fatto di aver scelto di stare dalla parte di suo marito, alla quale è fedelissima. Quando Pietro le viene portato via nel decimo episodio della S03, Azzurra chiama Gennaro e gli dice che è arrivato il momento di togliere di mezzo una volta per tutte suo padre.

 

 

 

Dalla parte di Enzo

Enzo Villa, detto Sangue Blu, è cresciuto con un folto gruppo di amici che per lui sono come dei fratelli. Tra questi spiccano O'Golia (Francesco Capriello), O'Belle'Bbuono (Alessandro Palladino), Ronni (Roberto Olivieri), e MMA (Francesoa Da Vinci). Mentre O'Belle'Buono segue Enzo senza farsi tante domande, addirittura è lui a presentargli Valerio O'Vocabulà, O'Golia e Ronni non sono molto contenti della scelta di Enzo di entrare a far parte del Sistema, ma siccome Sangue Blu è un fratello, e nello specifico è il fratello che ha dato a tutti loro il controllo di Forcella, la sua volontà viene rispettata. Ronni, però, nel nono episodio non segue gli ordini, e viene punito. Nonostante ciò, la sua fedeltà a Enzo non è mai messa in discussione.

 

Dalla parte di Enzo c'è poi ovviamente Carmela, sua sorella. E' stata lei a crescerlo dopo la morte dei genitori. Carmela ha una pizzeria a Forcella, ma far quadrare i conti ogni mese non è facile. Ha un figlio adolescente, Cosimo, che cerca in tutti i modi di tenere lontano dalla strada e dal Sistema. Carmela in realtà ha lo stesso desiderio di rivalsa di Enzo, ma, a differenza sua, ha molto più spirito di conservazione. Lo stesso spirito che, anni addietro, la portò ad accordarsi con O'Sciarmante: rinunciare a ciò che una volta apparteneva alla loro famiglia, al nonno (il Santo) e al padre, per poter vivere in pace.

 

Infine c'è Maria (Gina Amarante), la fidanzata di Sangue Blu, con lui sempre e in ogni caso. Maria ha la stessa ambizione di Enzo, la sua stessa voglia di emergere, e il desiderio di fare qualcosa di grande e di importante, oltre che di vedere riconosciuto il suo valore.

 

 

I Confederati

O’Stregone, O’Sciarmante, O’Crezi e O’Diplomato : sono questi i nomi, anzi, i soprannomi, dei Confederati , i quattro boss che finora si sono spartiti i ricchi guadagni del cuore di Napoli. Decenni addietro si spartirono equamente il cuore della città con i suoi ricchi guadagni, andando a formare, per l’appunto, una sorta di confederazione, tre zone d’influenza dai confini precisi. Vediamo i Confederati per la prima volta nel primo episodio di Gomorra 3, quando Genny va a parlare con loro dopo il funerale del padre. E’ Don Aniello, già visto nella seconda stagione della serie, a introdurre il giovane boss agli altri. Ma chi sono questi altri? Sono O’Stregone (Don Ruggero, interpretato da Carlo Cerciello), che controlla il Rione Sanità e la zona della Maddalena, Don Eduardo Arenella (O’Sciarmante, un soprannome che ha creato molta confusione online, dove viene erroneamente chiamato O Charmant, interpretato da Pasquale Esposito), che controlla Forcella e i Quartieri Spagnoli, e Elia (O’Diplomato, Andrea Di Maria) e Ferdinando (O’Crezi, Carlo Caracciolo) Capaccio, i nipoti di Don Aniello, che controllano la zona del porto. Nella S03 subiscono l'attacco prima di Enzo, guidato da Ciro, intenzionato a riprendersi Forcella, e poi di Gennaro, deciso a farli fuori sia per vendicarsi (nel quarto episodio i Confederati si schierano apertamente con Avitabile), sia per entrare in possesso di tutta la città. O'Sciarmante muore nell'episodio 11 della S03 per mano dei guaglioni di Forcella, convinti che sia stato lui a uccidere Carmela, mentre O'Stregone muore nell'episodio 12 per mano dei fratelli Capaccio, che schifano la pace e si accordano con Enzo e Valerio contro Gennaro Savastano.

 

 

 

 

Dalla parte di Genny

O'Cardillo e Capaebomba, rispettivamente interpretati da Christian Giroso e Giovanni Buselli, sono gli amici storici di Genny, al suo fianco prima e dopo il viaggio in Honduras. Nella seconda stagione hanno un momento di cedimento quando, insieme a O'Trak, accettano di prendere parte all'Alleanza messa in piedi da Ciro e Conte, ma nella S03, dopo l'uccisione di O'Trak da parte di Scianel, li ritroviamo fedelissimi all'amico di sempre. Vengono eliminati nel quarto episodio, quando Gennaro cade vittima dell'agguato organizzato da Avitabile con l'aiuto dei Confederati.

 

Nicola, interpretato da Riccardo Ciccarelli, è uno dei fedelissimi di vecchia data di Gennaro Savastano. E' al fianco di Genny nel momento in cui il giovane boss deve rimettersi in piedi dopo la batosta del quarto episodio, e in quanto suo uomo di fiducia si occupa della gestione più o meno diretta dei suoi affari non propriamente legati allo spaccio, una serie di aziende e attività acquistate dal suo giovane capo per riciclare i soldi sporchi e per dispensare favori a questo o a quel socio in affari.

 

 

Gli altri

Gegè

Gegè, interpretato da Edoardo Sorgente, è, o meglio, era il contabile di fiducia di Gennaro. I due sono amici fin dall'infanzia, e quando Genny decide di mettersi "in proprio" è al fidato Gegè che chiede aiuto per gestire al meglio i suoi guadagni più o meno illeciti. Il personaggio di Sorgente è legatissimo alla famiglia Savastano, che considera un po' la sua famiglia, essendo lui cresciuto orfano di madre e di padre. Conosciamo Gegè nel secondo episodio di Gomorra 3, ma gli diciamo addio nel quarto. Il motivo? Il povero Gegè viene ricattato da Don Giuseppe Avitabile, che minaccia di fare molto, molto male al suo compagno, e per evitare una tragedia accetta di fare il doppio gioco. Gennaro, però, lo scopre, e c'è una sola punizione per i traditori: la morte. Gegè muore pestato a sangue dal suo amico (clicca qui per vedere com'è stata realizzata la scena del pesteaggio di Gegè).

 

Mladen

Mladen, interpretato da Aleksandar Alekseev Sano, è il figlio di Valentin, il boss bulgaro per cui lavora Ciro durante il suo esilio in Bulgaria. Mladen è geloso di Ciro, e non perde occasione per sminuirlo, insultarlo o metterlo in difficoltà. Cerca di incastrarlo con la storia dei soldi falsi di Enzo e compagni, ma non sa che il suo avversario ha capito tutto. Muore infatti per mano dell'Immortale nel terzo episodio della S03.

 

Elvana

Elvana, interpretata da Boryana Krumova Manoilova è una ragazza albanese che finisce nel giro di prostituzione gestito da Mladen a Sofia. Ciro rimane colpito da lei fin da subito, probabilmente rivede in lei qualcosa di sua figlia, e alla fine del terzo episodio, quando decide di uccidere Valentin e Mladen prima di lasciare la Bulgaria, la prende sotto la sua ala, e la riaccompagna a casa, in Albania.