Rolling Stones, ritrovato un filmato inedito del festival di Altamont

Musica

Camilla Sernagiotto

©Getty

È stato reso pubblico un filmato della durata di 26 minuti che mostra la band di Mick Jagger, Keith Richards & Co. e altri artisti al tristemente celebre evento tenutosi nel 1969 in California. Le immagini inedite sono state pubblicate per la prima volta dal Library Of Congress. Il cosiddetto Altamont Free Concert ("il concerto gratuito di Altamont”) è stato funestato dall'omicidio di Meredith Hunter, il giovane afroamericano accoltellato a morte di fronte al palco durante l'esibizione degli Stones

È stato appena reso pubblico un video perduto che mostra i Rolling Stones e tanti altri artisti al festival di Altamont, la tristemente celebre kermesse musicale tenutasi nel 1969 nel Nord della California, funestata dall'omicidio di un ragazzo afroamericano da parte di un membro degli Hell's Angels, i motociclisti ingaggiati per l'occasione come addetti alla security.

Le immagini inedite sono state ora pubblicate da parte del Library Of Congress. Potete guardare il filmato completo nel video che trovate in fondo a questo articolo.

Oltre a Mick Jagger, Keith Richards & Co., nel video della durata di 26 minuti appaiono anche altri celebri protagonisti dell'evento, tra cui Carlos Santana, Jefferson Airplane, i Flying Burrito Brothers e Crosby, Stills, Nash & Young.
Si tratta di una testimonianza unica nel suo genere che offre un nuovo sguardo - più ampio e meno focalizzato solo sugli Stones e su quello che purtroppo accadde di fronte al palco mentre suonavano - sul raduno musicale che pose fine al sogno hippy, come purtroppo ben sappiamo…


L'Altamont Free Concert ("il concerto gratuito di Altamont”, così era stato battezzato) si tenne il 6 dicembre 1969 presso l'Altamont Raceway Park californiano, situato tra le cittadine di Tracy e Livermore, nella Contea di Alameda.

È stato un paragrafo infausto e altamente nero della storia della musica a causa dell'omicidio di Meredith Hunter, il giovane afroamericano accoltellato a morte nel 1969 di fronte al palco proprio durante l'esibizione dei Rolling Stones.
A picchiarlo e successivamente accoltellarlo è stato Alan Passaro, ventunenne membro degli Hell's Angels, il club di motociclisti che fu allora ingaggiato per offrire il servizio di security durante il festival. Hunter venne ferito gravemente e morì mentre veniva trasportato in ospedale.

Purtroppo il filmato in questione non ha l'audio: si tratta di un video muto girato su pellicola 8mm. A pubblicarlo sul proprio sito web è stata in queste ore la Libreria del Congresso degli Stati Uniti.

Per adesso non ci sono notizie relative a chi sia l'autore del filmato, dato che si tratta di un video che è stato lasciato a una società di sviluppo cinematografico e che poi non è mai stato ritirato da chi ne aveva richiesto lo sviluppo. Come se dei rullini fotografici fossero rimasti dal fotografo a cui è stato chiesto lo sviluppo, mai ritirati dal proprietario, insomma.

Quando la società di cine-sviluppo, tale Palmer Films, ha cessato l'attività (verso la metà degli anni Novanta), alcune delle pellicole di proprietà dell'azienda sono state acquisite dall'archivista Rick Prelinger.
Quest'ultimo vantava una collezione davvero vastissima, che venne poi acquisita a sua volta dalla Libreria del Congresso statunitense, che in queste ore ha rivelato la preziosa testimonianza di Altamont.

La performance degli Stones

approfondimento

Rolling Stones, 50 anni fa l'accoltellamento ad Altamont

Nel video inedito si vede la performance principale dei Rolling Stones, che viene filmata dal lato del palco. Le immagini sono arricchite da riprese in primo piano di Mick Jagger, colto mentre sorride e applaude.

Non mancano all'appello però scene tese e caratterizzate da quella violenza che purtroppo è stata il fil rouge dell'evento. Si vedono infatti gli Hell's Angels che fiancheggiano il palco, in maniera minacciosa anche per via delle loro silhouette estremamente corpulente.

“La banda di motociclisti era stata assunta per fornire sicurezza ma durante il giorno aveva attaccato sia gli artisti sia i partecipanti”, scrive il Guardian. “Durante il set degli Stones, un frequentatore del festival, Meredith Hunter, ha tentato di salire sul palco insieme a un certo numero di altri fan. Filmati separati mostravano che Hunter portava una pistola, ed è stato accoltellato e ucciso dal membro degli Hells Angel Alan Passaro”, si legge sul quotidiano britannico.

Mike Mashon della Library of Congress afferma che il filmato "non aggiunge nulla alla nostra comprensione" dell'omicidio. Il motivo per cui queste nuove immagini sono preziose sta appunto nel fatto che non offre un ulteriore sguardo sull'assassinio ma sulla musica protagonista del festival. Benché non ci sia l'audio, finalmente vediamo tanti degli artisti che hanno preceduto il dannato show degli Stones, tutte band, cantanti e musicisti di cui il materiale di repertorio (confluito nel documentario Gimme Shelter dei registi Albert e David Maysles e Charlotte Zwerin) non ci aveva offerto sguardi.  

Altamont, la fine dell’idealismo utopico di stampo hippy

approfondimento

Rolling Stones, storia in 15 foto della band senza età di Mick Jagger

La morte di Hunter - e in generale l'atmosfera cupa del festival di Altamont - è diventata il simbolo della corruzione dell'idealismo hippy degli anni Sessanta. Quell'evento musicale ha posto il cartello “The End” su un capitolo corposo della storia sia della musica sia del costume sia della società sia degli ideali.

Il festival è stato raccontato separatamente dai registi Albert e David Maysles e Charlotte Zwerin nel film documentario Gimme Shelter.
L'assassinio venne ripreso grazie al cameramen Baird Bryant, che filmò il momento esatto dell'omicidio.

Nella scena del film documentario Gimme Shelter diretto dai registi Albert e David Maysles e Charlotte Zwerin c'è una sequenza che dura circa due secondi in cui si nota Hunter arrivare verso il palco assieme alla fidanzata Patty Bredehoft. Lo si vede alzare la mano, mostrando quello che sembra essere una pistola. A quel punto si vede Passaro giungere da destra, spingere Meredith Hunter fuori dall'inquadratura e aggredirlo con due coltellate.


Passaro venne accusato del crimine però si appellò all'autodifesa. La pistola di Hunter, benché sia chiaramente visibile nelle immagini filmate dal cameramen Baird Bryant, non fu però mai ritrovata.
Successivamente colui che accoltellò la vittima venne accusato di aver inferto cinque colpi di lama, non due. Alcuni testimoni hanno riportato che Hunter sarebbe stato calpestato e preso a calci da parte di altri membri del club motociclistico mentre era a terra ferito, secondo ciò che riporta un articolo dell'edizione statunitense del famoso magazine Rolling Stone, uscito il 7 febbraio del 1970 (che vi linkiamo qui).

L'enorme valore del filmato ritrovato

approfondimento

Rolling Stones, 50 anni fa il concerto ad Hyde ParK

Tornando su un piano più leggero e maggiormente focalizzato sulle sette note (benché sia impossibile prescindere il grave fatto luttuoso che si lega al nome di Altamont e dei Rolling Stones), il video ritrovato e reso pubblico offre una testimonianza preziosissima delle mosse di danza scelte da Mick Jagger, del modo di atteggiarsi e di suonare degli altri componenti della band, delle movenze e dei comportamenti degli altri artisti. Si tratta anche di un gustoso assaggio della moda dell'epoca.

 

Finalmente possiamo assaporare, anche se solo con il senso della vista e senza l'udito, alcune delle altre esibizioni che si sono tenute sul palco del festival: fino a oggi avevamo visto soltanto quella degli Stones, visibile nel documentario Gimme Shelter, mentre stavolta possiamo guardare (purtroppo non ascoltare, dato che - ripetiamo - è un filmato sprovvisto di sonoro) gli show di Carlos Santana e della sua band, così come quello di Crosby, Stills, Nash & Young.

 

Il motivo per cui nel film Gimme Shelter non sono state incluse le loro esibizioni è perché pare che sia stato così richiesto ai registi dai musicisti stessi, non soddisfatti della propria performance.

Grace Slick, Jefferson Airplane e le risse degli Hell’s Angels

approfondimento

Buon compleanno Mick Jagger. FOTO

La celebre cantante statunitense Grace Slick è stata filmata davanti ai Jefferson Airplane. Compaiono a chiare lettere anche le risse con gli Hell’s Angels sul palco, le spinte e le minacce a un membro del pubblico che viene mandato via dal palco.

Come riporta sempre The Guardian circa la violenza che si registrò in quel dannato 6 dicembre del 1969, “il cantante Marty Balin è stato colpito da uno dei motociclisti durante lo spettacolo, fino a fargli perdere i sensi”.

L’esperto di film Mike Mashon, della Library of Congress, parla di un Gram Parsons a torso nudo e magnificamente irsuto: “È stato particolarmente bello vedere Gram Parsons davanti ai Flying Burrito Brothers, dal momento che in Gimme Shelter si vede solo la parte posteriore della sua testa. Ancora meglio, ci sono buone riprese di Mick Jagger e Keith Richards fuori dal palco mentre lo guardano esibirsi".

Riguardo al regista sconosciuto di queste immagini, al Washington Post Mike Mashon ha dichiarato: “Se venisse fuori il proprietario, sicuramente saremmo interessati a sentirlo. Qualcuno con le prove. Ma per quanto ne sappiamo questo film è stato abbandonato".

 

Di seguito trovate il filmato con le immagini inedite pubblicate da parte del Library Of Congress. Lo ripetiamo: purtroppo si tratta di un video senza audio perché il film è muto.  

Spettacolo: Per te