Francesco Marzio ci porta Negli occhi del mondo: il video

Musica

Il brano si focalizza su drammi che si consumano silenziosi, indisturbati, annullando volontà e sogni, azzerando vite. Il video è introdotto da un testo originale dell'artista brindisino

E' un cortometraggio audace per i drammi narrati e denunciati. Da un lato la perdita del lavoro, con particolare riferimento al mondo artistico/musicale causa la crisi economica generata dall' emergenza epidemiologica da SARS-COV-2. Dall'altro lato la violenza sulla donna fra le mura domestiche, amplificata dall'emergenza sanitaria che costringe a stare in casa. I due drammi si consumano silenziosi, indisturbati, annullando volontà e sogni, azzerando vite. La volontà  e il sogno  di leggere, interpretare  e cantare la vita con gli accordi di una chitarra, scegliendo l'alfabeto della musica.
 

La volontà  e il sogno di credere nell'amore, cadendo nella trappola di un dolce e attraente inganno. Sfondo dei due drammi le città deserte e silenziose, ferite dalle sirene delle ambulanze e delle forze dell'ordine. Città  sorde al grido silenzioso di protesta di Andrea, un giovane musicista costretto dalla povertà  in cui versa a vendere il suo amato strumento musicale, anima e áncora in una vita ormai senza certezze e orizzonti. Città  sorde alla denuncia di Anita una giovane donna che trova la forza e il coraggio di ribellarsi, fuggire e denunciare l'inganno, la violenza subíta contro la sua volontà annullata e messa a tacere. Ormai tutto sembra perduto.

Poi uno sguardo nuovo, l'ascolto reciproco di un grido di aiuto, il porgersi la mano, il correre in aiuto l'uno dell'altra...I fili di due vite ormai sospese si riannodano, raccontandosi, ascoltandosi, ancorandosi con forza e determinazione l'uno all'altra, salvandosi.
 

Sfondo di questo nuovo incontro la musica che torna prorompente a risuonare nelle loro vite e, per loro tramite, in una casa, per le vie delle città, vincendo l'ostinata sordità  e cecità  di chi non vuole sentire e vedere i nuovi poveri, figli di un crisi sanitaria ed economica, ma anche sociale e culturale. Le note e le parole di una canzone accolgono la richiesta di aiuto di queste nuove povertà materiali e spirituali senza più forza e voce per gridare lo scandalo di chi è  cieco e sordo. Una chitarra cercata,  ritrovata e donata; un abbraccio sperato, cercato, ricevuto e restituito...diventano le nuove áncore, radici e fondamenta su cui riprendere a costruire nuove vite.
 

La certezza è  "L' AMORE che ci sta a guardare".

La volontà  è " Il tuo AMORE voglio toccare".

Parole che riassumono il bisogno di trovare un senso e una via di uscita in queste nuove povertà. C'è  bisogno di un nuovo SGUARDO.

E allora anche un panchina può  salvare; le strade deserte possono tornare a risuonare di sorrisi e complicità; luoghi visti e rivisti possono apparire nuovi e sconosciuti. C'è  bisogno di TOCCARE L' AMORE e SENTIRSI TOCCATI DALL' AMORE.

E allora la volontà e il sogno di suonare e cantare il mistero della vita trionfano.


AUTORI: Francesco Marzio, Giuseppe Aportone

PRODUZIONE MUSICALE: Filadelfo Castro

MIX & MASTER: Stefano Mariani

BATTERIA: Diego Corradin

CORTOMETRAGGIO:

Attori:

ANITA: Vittoria Castagnotto

ANDREA: Luca Spada

DANIEL: Jacopo Andreoli

REGIA: Francesco Marzio, Jacopo Andreoli, Omar Abdel, Luca Spada

LOCATION: Torino, Lecce, Ostuni

OPERATORI DI CAMERA: Jacopo Andreoli, Erfano Morelli

FONICO: Francesco Fortina, Claudio Francioso

POST-AUDIO: Claudio Francioso

POST-PRODUZIONE: Jacopo Andreoli, Francesco Marzio


PRODUZIONE ARTISTICA: Horus Music di Francesco Marzio

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.