"Buon sangue" di Jovanotti compie 15 anni: l'omaggio su Instagram

Musica

Jovanotti festeggia i 15 anni dell’album “Buon Sangue” con una lunga diretta su Instagram

Per celebrare l’anniversario dell’uscita di “Buon Sangue”, uscito il 13 maggio 2005, Jovanotti ha tenuto una lunga diretta live su Instagram per raccontare curiosità e piccoli aneddoti sul suo album. Tantissimi gli omaggi anche da parte di numerosi artisti e così Lorenzo Cherubini ha deciso di parlare di quel progetto discografico che ha rappresentato una rinascita per la sua carriera. Un album voluto a tutti i costi con lungo processo di lavorazione e l’aiuto di tanti nuovi collaboratori per dare un sound ben preciso al disco. Jovanotti ha ricordato il lavoro di Stefano Fontana (Stylophonic) e del produttore Michele Canova, senza dimenticare l’amico Saturnino e il compianto Marco Tamburini che all’epoca si occupò della sezione fiati.

Il sound di “Tanto” e l’emozione per “Mi fido di te”

approfondimento

Jovanotti, le frasi più belle delle sue canzoni

Un disco funk per eccellenza che ancora oggi Jovanotti apprezza tantissimo. Durante la diretta ha raccontato in pillole alcuni aneddoti per ogni canzone dell’album. In particolare per “Tanto” ha sottolineato come fosse rimasto impressionato per quel suono così forte e di come si sia ispirato anche a Francesco Petrarca, autore che leggeva in quel periodo. Tra le tante curiosità anche l’emozione che prova per “Mi fido di te”, la canzone della svolta, la prima scritta per l’album “Buon Sangue” e quella in grado di dargli sempre certi brividi. Jovanotti ha anche raccontato del lavoro fatto da Celso Valli che ha arricchito il brano grazie ai suoi arrangiamenti. “Buon Sangue è un disco importantissimo per me e ha certe canzoni dentro alle quali continuano a nascere storie e continua ad abitarci un sacco di gente che va e viene come succede nei posti belli”, queste le parole di Jovanotti.

Le collaborazioni con Edoardo Bennato, Planet Funk e Cor Veleno

Scorrendo la tracklist, Jovanotti si è soffermato anche sulle tante collaborazioni presenti nell’album come quella con Edoardo Bennato che interviene con uno straordinario assolo di armonica in “Penelope”. Nell’album anche il frutto di una serie di session con i Planet Funk e un rammarico, quello di non aver chiuso realmente una canzone con i Cor Veleno. All’epoca dell’uscita “Buon Sangue” venne rilasciato anche in doppio album con il cosiddetto “Extra Funk” dove furono inseriti esperimenti, jam session e pezzi sperimentali. Tra questi c’è anche “Cose pericolose”, una brevissima canzone con i Cor Veleno guidati da Primo. Jovanotti si sofferma proprio sul ricordo del rapper e di come quella canzone oggi potesse realmente avere successo ma che non fosse giusta per quel periodo. Lo stesso cantautore ricorda con affetto Primo, omaggiato anche nel video di “Oh, Vita” e nei social dove compare con una maglietta a lui dedicata. Dopo 15 anni “Buon Sangue” continua a regalare preziosi spunti ed emozionare Lorenzo Cherubini e tutti i suoi fan.

Spettacolo: Per te