NomadiIncontro, Novellara celebra Beppe Carletti e i suoi ragazzi

Inserire immagine
Beppe Carletti

NomadiIncontro  porta a Novellara, il 15 e 16 febbraio, la storia dei Nomadi . La prima edizione ebbe luogo nel 1993 e viene organizzata annualmente nel mese di febbraio grazie alla disponibilità di Beppe Carletti , di tutti i Nomadi e con l’approvazione di Rosanna Fantuzzi , compagna di Augusto Daolio , il vocalist scomparso nel 1992. Beppe Carletti racconta cosa succederà

(@BassoFabrizio)

L’Area Verde che accarezza la Rocca di Novellara accoglie NomadiIncontro 2020. Sabato 15 e domenica 16 febbraio ci saranno mostre fotografiche, esposizioni, conferenze, iniziative di solidarietà e soprattutto  due concerti dei Nomadi: uno il sabato sera, l’altro la domenica pomeriggio. Entriamo nel clima chiacchierando con Beppe Carletti.

Ci siamo, torna NomadiIncontro.
Credo che quest’anno sarà tra i più belli. Ci sono ottime previsioni del tempo e ci sono molte prenotazioni.
C'è un forte senso di partecipazione.
Si respira il bello di essere insieme. Si incontrano persone che si trovano una volta l’anno. Ed è una cosa bella.
C'è poi il ricordo di Augusto.
Ricordiamo Augusto da 27 anni la gente arriva. La storia dei Nomadi fa rima con Augusto.
Ospite quest'anno?
Max Laudadio.
Per te e i Nomadi l'appuntamento di Novellara è un po' un capodanno.
Da Novellara si parte. La cosa bella sono le richieste: l'anno scorso abbiamo tenuto 70 concerti, quest’anno siamo già vicino agli 80.
Come lo spieghi?
Non siano al telegiornale, non siamo in televisione dunque è doppiamente meritevole il nostro successo. Vince il passaparola.
Sapete sempre stupire.
Pensa che c'è chi mi chiede se suoniamo ancora e quando rispondo di sì sono attratti dalla curiosità. Sai la reunion non si può fare perché Augusto è morto e dunque andiamo avanti con le nostre forze: respiriamo e facciamo respirare la gente, siamo allo stesso piano. Noi siamo la gente sul palco.
Dischi in arrivo?
Per ora nessuna novità, ci sono varie cose da decidere anche a livello discografico. Tra fine febbraio e i primi di marzo la decisione sul futuro. Quel che è certo è che ci vogliono ancora.
Siete il secondo gruppo più longevo al mondo dopo i Rolling Stone.
Auguro a Mick di saltare per altri dieci anni come fa oggi e io gli sto dietro. Ciò detto per me è un primo posto.
Vale doppio se pensiamo che quando è mancato Augusto potevi sciogliere la band.
Mi sono messo sulle spalle una storia bellissima e andremo avanti nel suo ricordo. Nei viaggi Augusto mi diceva che bello quello che stiamo facendo...
Chi sono oggi i Nomadi?
L'uomo mascherato. Non morirà mai.