Caterina Cropelli canta Quando...per accogliere l'amore ed essere umani

Inserire immagine

Caterina Cropelli in Quando canta l’amore altruista, quell'amore che comprende e sa come agire. Nel rispetto, nel silenzio e nelle urla. Dopo il video in anteprima esclusiva, l'INTERVISTA

Il nuovo singolo di Caterina Cropelli è Quando

(@BassoFabrizio)

Sembra un testo di altri tempi e invece sono le parole di una ventitreenne che si chiama Caterina Cropelli, che vive in Val di Sole, che ha una voce speciale e che X Factor ha fatto conoscere in maniera indimenticabile. Aspettando, con l'avvento della primavera, il suo disco, la ho intervistata.

Caterina con chi faresti il concerto di Capodanno?
Ho una lista di nomi infinita, partirei comunque da Niccolò Fabi e Max Gazzè.
Raccontami l'amore ecumenico di Quando?
Partiamo dal fatto che sono una ventitreenne sognante. L'amore è prendersi e darsi. E' in primis essere altruisti ma se è amore vero non è prevaricante. E parlo di un amore in senso ampio e non solo tra due persone.
Parole che fanno riflettere.
X Factor mi ha insegnato a scrivere. Mai prima dell'esperienza su Sky avrei pensato di creare liriche.
La risposta arriverà dall'imminente album.
Uscirà in primavera. E non vedo l'ora di andare in giro a suonarlo, adoro i live. Poi torni a casa e hai più voglia di buttare fuori altre idee. E' anche per questo che io vivo alla settimana.
Siamo alla finale di XF13. Che dici?
Consiglio di andare a divertirsi e non pensare troppo a dove si sta cantando. Io ci andavo senza pensare e provando a essere spontanea. La voce è una cosa personale.
Perché non sei emigrata a Milano o Roma?
Sto in Val di Sole ma mi sposto molto spesso. Non è un limite. Non c’è un perché e non ci resterò per sempre, chissà dove sarò tra tre mesi. Amo la montagna e godermela tra neve e boschi. Qui è bella la vita.
L'anno nuovo regalerà il tuo disco, tu che ti aspetti sotto l'albero?
Io regalo il disco? Sarà un Natale posticipato ma spero sia così. Personalmente mi aspetto tante esperienze belle. Spero in un 2020 pieno di concerti.
Fatalista oppure causa della tua sorte?
Sono tra il fatalismo ma so anche darmi da fare. Le cose belle tornano. Serve sempre la speranza.
La tua generazione, quella dei ventenni, ha riportato la gente in piazza.
I ventenni sono forti...io ci credo, il mondo è pieno di persone giovani e molto umane. Greta ha 16 anni e se muove così tanto significa che sotto qualcosa c’è. La stimo molto. Mi da un po’ fastidio vedere persone molto più grandi che la deridono: è la fine del mondo.
Che intendi?
E' troppo facile giudicare chi prova a cambiare le cose stando fermo. Se non ti stanno bene le cose ma non vuoi attivarti per cambiarle almeno non lamentarti.
Così si accende la speranza?
Ci sono persone che sono umane. E coltivano l'empatia.