Le canzoni più famose di Biagio Antonacci

Biagio Antonacci
@Kikapress

Da “Iris (Tra le tue poesie)” a “Mio fratello”, le canzoni più famose di Biagio Antonacci

Cantautore tra i più apprezzati della musica pop in Italia. 55 anni per 30 tondi di carriera, declinati in 14 album: il primo, “Sono cose che capitano”, dell’89; l’ultimo, “Dediche e manie”, uscito un anno fa. Stiamo parlando naturalmente di Biagio Antonacci. Ecco le sue 10 canzoni più famose di Biagio Antonacci:

  1. Iris (Tra le tue poesie)
  2. Convivendo
  3. Pazzo di lei
  4. Sognami
  5. Se fosse per sempre
  6. Ti dedico tutto
  7. Non vivo più senza te
  8. Ti penso raramente
  9. L’amore comporta
  10. Mio fratello

Iris (Tra le tue poesie) (Mi fai stare bene, 1998)

Partiamo dal primo grande successo di Biagio Antonacci, pubblicato nel ’98 come primo singolo estratto dal suo quarto disco in studio. La canzone è stata poi inserita anche nelle due raccolte “Il cielo ha una porta sola” (del 2008) e “Biagio” (del 2015). Il brano conta anche una versione in spagnolo. Il pezzo porta la firma di Antonacci, sia per quanto riguarda la musica, sia quanto al testo.

Convivendo (Convivendo – Parte I, 2004)

Title – track del disco di maggiore successo di Antonacci, datato 2004, il pezzo è stato scritto dallo stesso cantautore, che l’ha prodotto insieme a Steve De Maio. Del pezzo è stato fatto anche un remix, da parte del deejay Fargetta, che è contenuto nella compilation “Hot Party Summer 2004”. L’uscita del singolo è stata accompagnata dalla pubblicazione di un videoclip diretto da Gaetano Morbioli all’interno di Parco Giardino Sigurtà. Protagonista, insieme a Biagio Antonacci, è Elisabetta Canalis.

Pazzo di lei (Convivendo – Parte II, 2005)

Andiamo al “sequel” del disco “Convivendo” e ora siamo nel 2005. Anche “Pazzo di lei” vede la firma di Antonacci con coproduzione di Steve De Maio e videoclip diretto dal regista Gaetano Morbioli. Questa volta, però, al fianco di Biagio non troviamo Elisabetta Canalis, bensì Ilaria D’Amico, nella parte – appunto – di “convivente” del cantautore lombardo.

Sognami (Vicky Love, 2007)

Facciamo un salto nel 2007 e troviamo “Sognami”, una canzone di cui evidentemente Antonacci era particolarmente orgoglioso, visto che ha deciso di inserirla anche nel disco successivo, “Il cielo ha una porta sola” (compilation). Nel brano troviamo anche due collaborazioni: con il gruppo Martirani Gipsy Swing e con la cantante Dafnè Lupi. Il videoclip vede ancora una volta la regia di Gaetano Morbioli, mentre davanti alla macchina da presa troviamo l’attrice Luisa Ranieri.

Se fosse per sempre (Inaspettata, 2010)

“Se fosse per sempre” è stato il primo singolo estratto da “Inaspettata”. Il brano è stato scritto ancora una volta dallo stesso Biagio Antonacci, insieme al produttore Michele Canova Iorfida. Anche in questo caso, il videoclip porta la firma del regista Gaetano Morbioli ed è stato presentato in anteprima su Sky Uno.

Ti dedico tutto (Sapessi dire no, 2012)

“Ti dedico tutto” è il primo singolo estratto invece da “Sapessi dire no”, disco del 2012. La canzone è stata presentata in anteprima TV durante “Panariello non esiste”, trasmissione condotta dallo stesso show-man insieme alla cantante Nina Zilli. Il pezzo ha raggiunto l’ottava posizione dei singoli più venduti della settimana in Italia.

Non vivo più senza te (Sapessi dire no, 2012)

Rimaniamo in “Sapessi dire no” e quindi rimaniamo nel 2012. “Non vivo più senza te” è invece il secondo singolo estratto dal disco, scritto a quattro mano con il chitarrista Andrea Dessì. Il videoclip, che ovviamente è stato girato dal solito Gaetano Morbioli, ha come ambientazione Torre di Lido Pizzo e Lido di Punta Suina, due tra i luoghi più celebri di Gallipoli.

Ti penso raramente (L’amore comporta, 2013)

“Ti penso raramente” è il singolo che ha anticipato il disco “L’amore comporta”, del 2013. Anche in questo brano troviamo lo zampino di Michele Canova Iorfida, che ha prodotto la canzone insieme allo stesso Antonacci, che invece l’ha firmata in solitaria. Questa volta, però, non troviamo Gaetano Morbioli alla regia, bensì Biagio stesso, che ha girato il video con il suo smartphone. La clip definitiva è stata montata da Mauro Lovisetto.

L’amore comporta (L’amore comporta, 2013)

Title – track del disco del 2015, è stata estratta come quinto singolo. Quanto al videoclip, questa volta la regia non è stata dello stesso Antonacci, che però ritroviamo davanti alla telecamera. Autore della costruzione di una “piramide” con delle carte da gioco. Il tutto, insieme a una ragazza. Il finale della clip lo potete facilmente immaginare.

Mio fratello (Dediche e manie, 2017)

Brano estratto dall’ultimo disco di Antonacci – “Dediche e manie” – mio fratello vede anche il featuring del cantante siciliano Mario Incudine, “fratello” di Antonacci nel brano. Esiste anche un’altra versione del brano, in cui alter ego di Biagio è invece Rosario Fiorello. Il videoclip del brano, infatti, girato da Gabriele Muccino, vede come protagonisti i due fratelli Giuseppe e Rosario Fiorello.