Chi è Dua Lipa, la cantante e modella di origini albanesi

Dua Lipa, la cantante e modella di origini albanesi
@Kikapress

Il successo internazionale e la rapida ascesa di Dua Lipa, cantante di origine albanese che ha scalato le classifiche parlando apertamente del mondo femminile

È una delle rivelazioni in Gran Bretagna e la sua musica innovativa ha riscosso progressivamente successo in Italia e nel resto d’Europa. Ai Brit Awards, Dua Lipa partiva tra le favorite in virtù delle cinque nomination ottenute, ed è riuscita a vincere i premi come miglior artista femminile e come miglior artista emergente. I suoi brani diventano in pochi giorni hit mondiali, come successo a “New rules”, che in poco più di sei mesi, secondo i dati Spotify, è stato visualizzato più di un miliardo di volte. Nonostante il successo, però, l’umiltà e il rispetto delle origini della poliedrica e giovanissima artista d’origine albanese restano intatte.

L’esordio di Dua Lipa

La giovanissima Dua è nata a Londra e in Gran Bretagna ha vissuto i primi anni di vita, educata alla musica dal padre Dukagjin. La famiglia Lipa, di etnia albanese, è costretta a lasciare il Kosovo durante la guerra civile, ma ritorna a Pristina quando Dua ha 13 anni. La giovane aspirante cantante, però, vuole dare una svolta e un futuro alle sue ambizioni: torna a Londra, guadagna come modella ma cerca di farsi notare per la sua voce sicura e per una personalità certo non banale. A notare il suo talento la Warner Bros e Ben Mawson, lo stesso manager che segue Lana Del Rey. Il singolo di debutto è già un grande successo: da “New love” in poi, Dua Lipa, che ha preferito mantenere il suo nome senza scegliere pseudonimi, ha prodotto una serie di hit molto apprezzate in Gran Bretagna. La rapida successione di “Be the one”, “Blow your mind” e “No lie”, che la vede duettare con Sean Paul, scuote il panorama musicale britannico e sovverte le regole della musica leggera internazionale. La consacrazione arriva però con “New rules”, che pochissimo tempo ha scalato le classifiche digitali anche in virtù della sua esecuzione durante l’edizione 2017 del Festival di Glastonbury. Ad attirare l’attenzione non è solo la sua musica e un aspetto fisico che la accomuna alle “regine” del pop internazionale, ma soprattutto i testi: Dua Lipa ha infatti deciso di trattare a più riprese il tema del femminismo, trascinando con sé tutte le sue fan. Senza discriminazioni ma in maniera decisa, Dua Lipa parla del rapporto tra uomo e donna e della volontà dell’universo femminile di non sottostare alle restrizioni imposte. Il tocco in più è dato da un timbro di voce nuovo, profondo ma delicato, che giorno dopo giorno ha conquistato il pop. La stessa cantante si è definita la “Regina del Dark pop”, genere in cui si fonde la popolarità di una musica adatta a tutti con influenze goth o dark.

Dua Lipa, la consacrazione e la finale di Champions League

La varietà di generi e la poliedricità della sua formazione artistica consente a Dua Lipa di collaborare con colleghi appartenenti a generi totalmente differenti: dai dj come Martin Garrix e Calvin Harris a Chris Martin dei Coldplay, che per lei ha scritto “Homesick”. Nel 2017 è proprio “Scared to be lonely”, in collaborazione con Martin Garrix ad anticipare l’uscita dell’album di Dua Lipa. Anche per il nome della sua prima fatica discografica, però, l’artista d’origine albanese ha preferito evitare fronzoli, scegliendo di chiamarlo “Dua Lipa”. Nonostante sia già un’artista affermata e molto seguita sui social network, Dua Lipa pubblica il suo primo album solo il 2 giugno del 2017, dopo che cinque dei suoi singoli avevano raggiunto risultati importanti anche fuori dalla Gran Bretagna. A luglio, un altro successo annunciato: è “New rules”, primo brano di una solista femminile a raggiungere la vetta della classifica singoli nel Regno Unito dopo Adele e la sua “Hello”. “New rules”, nuovo manifesto del femminismo nel mondo, ottiene 24 dischi di platino e 3 d’oro in varie nazioni: dagli Stati Uniti alla Nuova Zelanda, dalla Svezia all’Italia. Il successo ottenuto non cambia le prospettive di Dua Lipa, che subito dopo, attraverso i suoi profili social, annuncia ai fan di avere in cantiere un nuovo album. Sarà inserito nell’album anche “IDGAF” – abbreviazione di “I don’t give a fuck”, scritto in collaborazione con un team di 5 autori differenti e molto apprezzato dalla critica. Anche in questo caso i dischi d’oro e di platino si susseguono a velocità vorticosa e confermano il successo internazionale di Dua Lipa. L’ennesimo tormentone di Dua Lipa è l’ottavo singolo: a collaborare con la cantante albanese questa volta è Calvin Harris. Pubblicati il 6 aprile, “One kiss” ha raggiunto la prima posizione tra i singoli in Gran Bretagna il 20 aprile. Dodici giorni più tardi, arriva anche il video, che in tempi brevi supera 100 milioni di visualizzazioni su Youtube. A coronare un 2018 da sogno per Dua Lipa la partecipazione alla finale di Champions League 2018. Prima di Real Madrid-Liverpool, la giovane cantante si è esibita a Kiev con Sean Paul in qualità di madrina dell’evento calcistico.