Chi era River Phoenix, il fratello morto che Joaquin ha citato agli Oscar 2020

Bello e dannato, il giovane astro nascente del cinema americano muore in una tragica notte di Halloween, il 31 ottobre del 1993. Suo fratello, Joaquin Phoenix, Leone d’Oro a Venezia per Joker , lo ha ricordato in occasione del Festival di Toronto dove ha ricevuto il TFF Tribute Actor Award. Continua a leggere e scopri chi era River Phoenix

Joker: leggi la recensione del film con Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix, Leone d’Oro a Venezia per Joker, capolavoro diretto da Todd Phillips, non è solito parlare di suo fratello River, e quando lo ha fatto pubblicamente in occasione del Festival di Toronto dove ha ricevuto il TFF Tribute Actor Award, è riuscito a emozionare la platea. Ha raccontato che quando era ancora un ragazzino, suo fratello è stato per lui un modello a cui ispirarsi. Lo ha spinto a guardare e riguardare Toro scatenato: “Se vuoi fare l’attore, devi fare così. Non me lo chiese, me lo disse. Sono in debito con lui perché questo mestiere mi ha regalato una vita meravigliosa”. Questo uno stralcio del discorso dell’attore Premio Oscar. Continua a leggere e scopri chi era il giovane River.

Chi era River Jude Phoenix

Nel corso della sua breve esistenza, l’attore diventa il nuovo James Dean del cinema del suo tempo, stella nascente di Hollywood, River Phoenix ha talento da vendere e quel fascino da genio ribelle che lo contraddistingue buca lo schermo. River nasce in Oregon il 23 agosto del 1970 e muore tragicamente di overdose il 31 ottobre del 1993 in California, aveva 23 anni. Primogenito di John Lee Bottom e Arlyn Dunitz Jochebed, ha un fratello e tre sorelle: Joaquin, Rain, Liberty e Summer. La sua è una famiglia fuori dagli schemi, sua madre lascia il lavoro e il marito per scappare a Los Angeles, qui che conosce il suo nuovo compagno, Bottom e con lui inizia a frequentare varie comunità hippie. A un certo punto decidono di cambiare il loro cognome in "Phoenix" e dare una svolta alle loro vite. I giovani sposi danno alla luce il loro primo figlio e per un periodo aderiscono a una setta chiamata "Figli di Dio", successivamente la famiglia si allarga e i problemi economici continuano a minare il loro equilibrio già precario. John Lee e Arlyn Dunitz Jochebed spingono i loro figli a partecipare a vari concorsi di recitazione fino a che, grazie alla cineasta Penny Marshall, River fa il suo debutto nel 1982 con il serial tv Sette spose per sette fratelli. Tre anni dopo, diretto da Joe Dante è al fianco di Ethan Hawke nella pellicola Explorers. Nel 1986 è sul set di The Mosquito Coast di Peter Weir e Stand By Me di Rob Reiner. Dopo questi successi, arriva il film che gli vale una nomination all’Oscar come Miglior attore non protagonista: Vivere in fuga di Sidney Lumet. Il giovane attore brilla per la sua straordinaria bravura accanto a Harrison Ford e Sean Connery nel film Indiana Jones e l’ultima crociata (1089) di Steven Spielberg. Seguiranno I Love You to Death di Lawrence Kasdan, Dogfight di Nancy Savoca. Belli e dannati di Gus Van Sant lo vede al fianco di Keanu Reeves vincere la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile alla Mostra di Venezia. Prima della sua morte prematura, lavora con Robert Redford e Dan Aykroyd diretto da Phil Alden Robinson ne I signori della truffa. Dark blood di George Sluizer è infine l'ultimo film con River Phoenix, uscito postumo vent'anni dopo sua morte.

Curiosità

River Jude Phoenix viene concepito durante un viaggio in Oregon in una cabina di registrazione. Il suo primo nome significa "fiume", i suoi genitori lo hanno scelto per ricordare il famoso corso d'acqua presente nel romanzo di Hesse, "Siddharta". Il secondo nome rievoca una canzone dei Beatles, Hey Jude, per l’appunto. Il cognome Phoenix è fortemente simbolico e si riferisce all'araba fenice che rinasce dalle proprie ceneri. E’ lui che inizia suo fratello Joaquin alla recitazione.

La tragica morte del giovane attore

Bello e dannato, il giovane River muore nella notte del 31 ottobre 1993, su un marciapiede davanti al Viper Room, il celebre locale del collega e amico Johnny Depp. Con lui in quella tragica notte, c’erano sua sorella Rain e suo fratello Joaquin Phoenix, l’amico Dick Rude e la compagna Samantha Mathis. Presenti alla festa il bassista e l’ex-chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, Flea e John Frusciante, il cantante dei Butthole Surfers Gibby Haynes, Christina Applegate e Leonardo DiCaprio. River assume dosi massicce di eroina e cocaina e subito dopo inizia a star male. Sviene e una volta ripreso i sensi, accusa problemi di respirazione, viene portato fuori dal locale per prendere aria, ma invano. Davanti agli occhi attoniti del fratello e dalla fidanzata, collassa. Quando Joaquin capisce la gravità della situazione e chiama l’ambulanza è troppo tardi. I soccorsi tardano ad arrivare e la giovane promessa del cinema muore. Fu cremato il 4 novembre 1993.