Venezia 2019: Brad Pitt, bagno di folla sul red carpet

Fan in delirio per l'arrivo di Brad Pitt sul red carpet del Lido di Venezia, dove l'attore ha presentato Ad Astra di James Gray, film in gara per il Leone d'Oro di cui è protagonista e produttore.

Leggi la recensione del film Ad Astra Mostra del Cinema di Venezia 2019: programma, ospiti e notizie DIRETTA

Fascino da vendere, semplicità e naturalmente elegante. Con smoking e capelli arruffati sul retro, Brad Pitt ha letteralmente stregato il red carpet della seconda serata del festival di Venezia, in occasione della presentazione di Ad Astra, il nuovo sci-fi di James Gray che annovera nel cast anche Liv Tyler e Ruth Negga. Il film racconta le vicende del cosmonauta Roy McBride (Brad Pitt), che viaggia fino ai confini estremi del sistema solare per ritrovare il padre scomparso (Tommy Lee Jones) e svelare un mistero che minaccia la sopravvivenza del nostro pianeta. Un padre alle prese con un'ossessione legata ai misteri della vita e che può minacciare il futuro dell’umanità. "Con James Gray più volte abbiamo parlato del fatto di venire entrambi da un'epoca in cui la mascolinità contava. Era importante allora essere rispettati, ma questo atteggiamento crea alla fine delle barriere che negano dolore e vergogna. Mentre queste due cose creano la possibilità di creare un rapporto migliore coi genitori, coi nostri figli e con noi stessi. Era questo che volevamo mostrare".
 

E ancora Pitt: "Roy è in un momento particolare della sua vita in cui la sua chiusura al mondo non funziona più e ne sta diventano consapevole.  E' insomma vulnerabile. Io e James abbiamo parlato molto di vulnerabilità. Che cos’è la vulnerabilità? Che cos'è la forza in un uomo e da dove viene la forza? E abbiamo concluso è che la forza è generata proprio dalla vulnerabilità". A chi chiedeva al sex symbol e muscolare Brad Pitt dove abbia trovato l'ispirazione per fare un personaggio così intimista, replica l'attore: "Non si deve certo andare lontano. Per quanto cerchiamo di nascondere le ferite che ci portiamo dietro dalla nostra infanzia, quelle ferite sono dentro di noi, dobbiamo solo tirarle fuori. E se un attore è sincero lo spettatore alla fine lo sente e ti premia". Come si fa ad essere così in forma a 56 anni? "Semplice - spiega -. Faccio pesi nel weekend, una cosa che non trovo affatto noiosa, e poi tanta ginnastica quattro volte a settimana. Certo - aggiunge - dipende dal ruolo che devo svolgere, ma anche Ad Astra è stato un bel impegno fisico. Sono stato infatti appeso tutto il tempo a dei fili.