È morta Lydia Alfonsi, aveva recitato ne La vita è bella

Cinema
©Getty

L'attrice è scomparsa a 94 anni. Aveva cominciato la sua carriera a teatro ed è poi diventata famosa tra il grande pubblico grazie ai teleromanzi degli anni Sessanta

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

 

Addio a Lydia Alfonsi, celebre attrice scomparsa nella sua città, Parma, a 94 anni. Protagonista di tanti sceneggiati televisivi Rai, l'attrice era nata il 27 aprile 1928. La sua ultima apparizione al cinema era stata nel 1997, nel film di Roberto Benigni La vita è bella, dove ha interpretato l'editrice Guicciardini.

Lydia Alfonsi, la carriera teatrale

approfondimento

Oscar, la notte magica di La vita è bella di Roberto Benigni

Lydia Alfonsi ha cominciato la sua carriera nel mondo della recitazione a teatro, a Parma: era stata notata dal regista Anton Giulio Bragaglia, che aveva deciso di scritturarla nella sua compagnia. L'esordio sul palco era avvenuto nel 1946 il nell'opera Anna Christie di Eugene O’Neill, diretto da Bragaglia. Nel 1954 a teatro portò Emma, di Federico Zardi e nel 1957 Il servitore di due padroni, assieme a Marcello Moretti, per la regia di Giorgio Strehler. Negli anni ha interpretato molti ruoli del teatro drammatico, come Medea, Elettra, Elena, Fedra. Alfonsi, inoltre, ha legato il suo nome anche a importanti teatri italiani, come il Piccolo Teatro di Milano e lo Stabile di Genova.

Lydia Alfonsi, tv e cinema

GUARDA ANCHE

Tutti i video su cinema e film

Alfonsi è diventata famosa tra il grande pubblico grazie ai teleromanzi degli anni Sessanta. Esordì nel 1960 come protagonista de La Pisana, sceneggiato tratto da Le confessioni di un italiano di Ippolito Nievo realizzato dalla Rai per celebrare il centenario dell'Unità d'Italia. Poi è stata protagonista di Mastro Don Gesualdo (1964), dal romanzo di Giovanni Verga, Luisa Sanfelice (1966), dal romanzo di Alexandre Dumas, e Il segreto di Luca (1969), dal romanzo di Ignazio Silone. Tanti i film in cui ha lavorato: citiamo Vita da cani di Steno e Monicelli, del 1950; La morte ha viaggiato con me di Marcello Baldi, del 1957; Un uomo da bruciare di Valentino Orsini, del 1962 e Porte aperte di Gianni Amelio, del 1990. Nel 1997 ha partecipato al film La vita è bella di Roberto Benigni nel ruolo dell'editrice Guicciardini, e questa è stata la sua ultima interpretazione. Nel 1970 Lydia Alfonsi ha ricevuto dalla critica francese il riconoscimento come migliore attrice televisiva italiana. L'attrice è stata inoltre insignita del titolo di Grand'Ufficiale della Repubblica Italiana dal presidente Sandro Pertini. Nel 2009 ha ricevuto il Premio alla carriera Milano Palazzo Liberty.

Spettacolo: Per te