Brie Larson: "Ho fallito i provini di Star Wars, Terminator e Hunger Games"

Cinema
©Getty

L'attrice premio Oscar per Room e protagonista nel Marvel Cinematic Universe come Captain Marvel racconta nel suo nuovo canale Youtube dei casting falliti prima di raggiungere il successo

Oggi Brie Larson (FOTO) è una delle giovani attrici più quotate di Hollywood. Parte fondamentale del Marvel Cinematic Universe nel ruolo di Captain Marvel, protagonista di film di successo come 21 Jump Street e premio Oscar come Miglior attrice protagonista nel 2016 grazie alla sua incredibile performance in Room, questa interprete 30enne ha davvero ben poco da invidiare a molte sue più anziane colleghe.


Ma non è sempre stato così. Per quanto Brie calchi i set televisivi dall’età di otto anni e quelli cinematografici da non molto tempo dopo, prima di diventare una superstar ha dovuto affrontare numerosi dinieghi. Per chi non ci credesse, è la stessa attrice a raccontarlo nel primo video pubblicato sul suo nuovissimo canale Youtube Brie is online.

approfondimento

I migliori film di Brie Larson

Questo primo episodio è l’occasione, per Brie Larson, per ricordare alcuni cocenti “due di picche” cinematografici. A cominciare da Star Wars, dato che da ragazzina aveva partecipato a un casting per entrare a far parte della Trilogia prequel. Una grande delusione, visto che a più riprese l’interprete di Room ha ammesso di essere una fan sfegatata della saga di Guerre Stellari.


Ma non si tratta dell’unica “delusione stellare” della carriera da attrice di Brie: fra le altre saghe a cui ha tentato di entrare a far parte, ricevendo però una porta in faccia, ci sono anche Hunger Games e Terminator.

approfondimento

Brie Larson è Captain Marvel, le foto dell'attrice

Sul reboot di Terminator ha anche raccontato un aneddoto personale: “Ci stavo pensando giusto oggi perché mi si è bucata una gomma e l’ultima volta che è successo è stato quando avevo il casting per Terminator, dove non sono stata presa”.


Certo, le soddisfazioni per Brie Larson non sono tardate ad arrivare, ma il suo racconto può valere da monito per tutti gli aspiranti attori in circolazione: non bisogna lasciarsi scoraggiare da qualche (talvolta doloroso) rifiuto, perché se ci sono il talento, la dedizione e magari anche un pizzico di fortuna, prima o poi il riconoscimento arriva.

Spettacolo: Per te